La segnaletica riguardante lo spazzamento delle strade

29 Maggio 2020
Condividi
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tempo di lettura: 3 minuti
image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

Era il lontano giugno del 2006, quando fu eletto sindaco di Civitavecchia il Dr. Gino Saladini.

La giunta, che cadde solo dopo pochissimi mesi, decise in quel poco tempo di eseguire lo spazzamento meccanizzato di tutte le strade della città, in giorni ed orari diversificati e per questo furono emanati specifici provvedimenti ordinatori ed apposta altrettanto idonea segnaletica verticale, idonea a rendere noti tali provvedimenti.

Il servizio fu eseguito con l’utilizzo al seguito di pattuglie della polizia locale, incaricate della rimozione dei veicoli, laddove questi, erano stati lasciati in sosta dai loro proprietari, anche quando questa era vietata, al fine di consentire regolarmente le operazioni di spazzamento, che durarono però, solo per alcuni mesi e poi interrotte per motivi a me sconosciuti.

Ebbene, da quel tempo sono trascorsi ben 14 lunghissimi anni, e la segnaletica indicante i divieti per le operazioni di pulizia delle strade, con tanto di  giorni ed orari in cui la sosta è vietata, sono ancora lì, su tante strade della città, a far bella mostra di sé.

Teoricamente, ma anche praticamente, tale segnaletica è ancora valida ed oltre al fatto che i veicoli non dovrebbero essere lasciati in sosta nei giorni e negli orari indicati, pena oltre alla sanzione amministrativa, anche la rimozione del veicolo, paradossalmente, anche l’agente di polizia che si trovasse ad operare in zona, dovrebbe comunque provvedere a rilevare tali violazioni, elevando seppur inutilmente, le sanzioni del caso a carico del responsabile dell’illecito ed in difetto, incorrere potenzialmente in un vero e proprio reato per non avere compiuto o comunque omesso, un atto del suo ufficio.

Ma, vi è di più, il cittadino corretto e rispettoso delle norme, specialmente quello che viene da fuori e non conosce le dinamiche della città, potrebbe vedersi ingiustamente precluso, il suo diritto di parcheggiare l’auto, proprio in quei determinati giorni ed orari, indicati dalla ancora chiarissima e svettante segnaletica verticale posta in numerosissime strade della città.

Fatto ancora più grave è, che nel passato, ho avuto modo di rappresentare agli uffici competenti questa situazione, (rimanendo il tutto lettera morta), consigliando anche di valutare la possibilità di vendere ad altri comuni che ne avessero avuto la necessità, la segnaletica, che è ancora oggi presente in numero consistente ed in discreto stato di manutenzione e recuperare così qualche spicciolo da poter ad esempio utilizzare, per migliorare altra segnaletica stradale fatiscente e/o comunque per manutenzionare le strade della città o il verde cittadino.

Con questo mio intervento, atteso che da quell’epoca mi risulta non si proceda più alla pulizia meccanizzata della sede stradale, almeno in quei determinati giorni ed orari e comunque alla rimozione di veicoli, anche al fine di evitare d’ingenerare confusione nell’utenza stradale, voglio nuovamente sensibilizzare la nuova Amministrazione e gli uffici competenti, in particolare Polizia Locale ed Ufficio Tecnico, a provvedere al più presto a tal proposito. Pensando anche, se questo non fosse stato già fatto, di annullare immediatamente tutti i provvedimenti ordinatori, emanati a monte di tale segnaletica stradale, che se in vigore poiché non abrogati, la rendono ancora efficace a tutti gli effetti normativi e legislativi.

CIVITAVECCHIA – GRUPPO CIVICO INDIPENDENTE

SICUREZZA E DECORO URBANO 

IL RESPONSABILE

Dr. Remo Fontana

Già Comandante Polizia Locale

Esperto in Sicurezza Urbana

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa






Condividi
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo