Un punto ed una virgola due idee e concetti differenti in un unico enunciato sul Rugby delle giovanili biancorosse.

Analisi della situazione dei giovani atleti del Rugby Civitavecchia dal Direttore Tecnico Andrea Gargiullo.

Lo stacco intermedio del periodo di sport del CRC dei giovani tra inizio stagione sportiva 2022 e con l’avvicinarsi del nuovo anno 2023 attraverso le impressioni di chi ne ha fatto una delle filosofia di vita.

Punto di domanda.

Quali sono stati gli effetti della pandemia negli ultimi due anni sulle giovanili del Rugby Civitavecchia?

Virgola di risposta.

Gargiullo- La pandemia è stata un punto di nuovo fine/inizio per il Rugby, costretti a rinventarci, nel momento della possibilità della ripresa delle attività senza contatto fisico fra gli atleti, noi come CRC ci siamo presentati alla cittadinanza con il Rugby Gratuito. In questa stagione  dobbiamo riconfermarci con gli stessi numeri, anche se molte famiglie hanno subito l’effetto economico. Purtroppo la pandemia a causato anche la scomparsa in parte di molti atleti in età adolescenziale che stando fermi per 2 anni si sono ritrovati in un mondo non loro, allontanandoli dallo sport, vogliamo e dobbiamo riportarli a divertirsi e giocare con la palla ovale.

Punto di domanda.

Come è stata gestita la mancanza di giovani atleti e come sono le prospettive per il CRC nel settore giovanile?

Virgola di risposta.

Gargiullo- Vogliamo aumentare gli iscritti con attività rivolte alle scuole. Al momento siamo in piena attività con tutte le categorie dalla under 5 alle under 15, le under 17 e 19 vengono gestite con l’accordo delle Fiamme Oro Rugby. In essere si stanno stipulando accordi con le vicine realtà Rugbystiche per creare un vero e proprio polo di crescita rugbystica per i ragazzi per permettere agli stessi di  misurarsi con realtà di livello superiore.

Punto di domanda.

Come vedi il Rugby in particolare dei giovani biancorossi dal punto di vista atletico-fisico e mentale-sociologico?

Virgola di risposta.

Gargiullo- Dal punto di vista atletico- fisico stiamo facendo un’ottimo lavoro nelle under in simbiosi con un preparatore fisico per dare gli strumenti per la costruzione futura. I giovani under 13 e 15 fanno esercizi di palestra propedeutici per il futuro mentre le altre sono seguite soprattutto sui schemi di motoria di base.

A livello mentale, proponiamo conferenze con nutrizionisti e preparatori fisici, parleremo di seguito di bullismo e cyber bullismo, oltre che creare un doposcuola. Abbiamo in essere un protocollo d’intesa con l’Orthofarma Vignati: “Rugby e Postura” per problematiche risolvibili a livello strutturale degli atleti.

Punto di domanda.

Quali sono le difficoltà maggiori per un direttore tecnico di Rugby nel settore giovanile?

Virgola di risposta.

Gargiullo- Le difficoltà sono molte , dare di più di quanto si ha, essere attenti a tutto procedendo nella direzione auspicata anche se davvero complicato. Lo strumento necessario è avere relazioni con atleti e staff per andare nella direzione giusta, amore verso lo sport incondizionato e far capire che è un mezzo per creare le nuove generazioni future.

Punto di domanda.

Per concludere, quali sono gli obiettivi prossimi del Rugby Civitavecchia per i giovani atleti?

Virgola di risposta.

Gargiullo- Il Rugby del movimento del CRC è: “Scuola di Vita”. Partendo da questa frase insegniamo ai nostri atleti, fans, genitori e simpatizzanti la voglia di sostenerci, di stare bene in armonia, crescere, sempre nel bene comune finalizzato alla crescita dei ragazzi ed è per questo che gli obbiettivi sono quelli di cercare nuovi atleti.  Consolidare quello che abbiamo sia come struttura societaria, struttura sportiva e staff allenatori, in modo di presentarci sempre pronti per le sfide future.

CIVITAVECCHIA RUGBY CENTUMCELLÆ asd

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

Lascia un commento

This will close in 16 seconds

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
0