pasquino

Pasquino: “Er Primo Cittadino”

21 Aprile 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potete dimme quello che ve pare,

So’ stato eletto primo cittadino

Me svejjo, poi me stiro, ogni mattino,

E penso che sò proprio da invidiare.

 

Me guardo ne lo specchio e lì traspare

Che davero so’ un omo der destino.

Quarcuno dice che so’ un pivellino,

Ma adè la bile che lo fa parlare.

 

Penso de somijjà proprio a Gastone.

La bocca bella, er sorriso profonno,

Co’ le donne ce faccio colazzione.

 

C’è però quello che me vole a fonno

E dice senza arcuna educazzione:

Si tu sei er primo, povero er seconno.

 

 

Pasquino dell’OC



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •