Pasquino: Er vortagabbana (2)

3 Maggio 2019
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Er vortagabbana (2)

 

Te devo dà raggione, so’ antiquato

Poi pure dimme che nun so aggiornato

Ch’er monno intorno a me s’è trasformato

E io sto fermo a vagheggià er  passato.

 

Poi dimme tutto meno ch’è normale

Cambià colore come a carnevale

Come er camaleonte, tale e quale:

Nun riesco a trovallo naturale.

 

Io posso rispettà chi adè diverso

Puro chi me se mette pe traverso

Vojo parlà co’ quello che s’è perso,

Co chi dall’incertezze viè sommerso.

 

Posso capì chi è in crisi de coscienza

Chi cià li dubbi dell’intelligenza

Chi nun fa più nessuna differenza

E s’abbandona ormai all’indifferenza.

 

Posso capì la stretta der bisogno

Chi se nasconne e dice: me vergogno

Ma nun soddisfo manco er fabbisogno.

‘Na vita più decente me la sogno.

 

Posso capì la debolezza umana.

Ma si me parli der vortagabbana

Ch’ogni elezzione cerca er toccasana

Quello è sortanto un fjo de na puttana.

 

Pasquino dell’OC

Clicca qui per Er vortagabbana





  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo