Fratture vertebrali (2^ parte)

25 Ottobre 2020
Condividi
  • 2
    Shares

continua…

Fratture del rachide cervicale

 

Rachide cervicale alto

Esistono varie tipologie di frattura del rachide cervicale alto:

  • Dissociazione o instabilità occipito-cervicale: la mortalità da lussazione della testa sul collo è molto elevata e i pochi sopravvisuti è probabile che abbiano deficit di nervi cranici, midollo allungato, giunzione spino-midollare e midollo spinale cervicale superiore; durante la lussazione si può anche verificare la lesione delle arterie vertebrali.
  • Frattura da condili occipitali: si verifica per compressione assiale. In caso di lesioni stabili, il trattamento è conservativo mentre in caso di lesioni instabili si effettua una artrodesi occipito-cervicale.
  • Frattura dell’atlante: si verifica più spesso in occasione di incidenti stradali, a seguito di sollecitazioni assiali sul rachide cervicale
  • Fratture del dente dell’epistrofeo: rappresentano circa il 20% di tutte le fratture cervicali e vengono di solito distinte in tre tipologie. La frattura di tipo 1 consiste in lesioni dell’apice del dente, quelle di tipo 2 si verificano alla giunzione del dente con il corpo dell’epistrofeo e quelle di tipo 3 si estendono nel contesto del corpo.
  • Frattura dell’impiccato: è la frattura dell’arco neurale posteriore dell’epistrofeo, con tendenza a diastasi tra i frammenti

Rachide cervicale basso

Sulla base del meccanismo lesionale si distinguono quattro tipologie di fratture:

  • Fratture in flessione-compressione: Comprendono lesioni che vanno da piccole compressioni di un piatto vertebrale fino a compromissioni severe del corpo vertebrale e danno delle strutture legamentose posteriori, con eventuale presenza di frammenti che possono dislocarsi posteriormente nel canale cervicale.
  • Fratture da scoppio: Sono causate da un grave carico assiale da compressione, i livelli più comunemente colpiti sono da C4 a C7.
  • Fratture-lussazioni dei massicci articolari: Rappresentano un ampio spettro di patologie che vanno dalla lussazione pura alla frattura delle faccette o dei massici laterali, con un grado variabile di lesione delle strutture legamentose posteriori.
  • Fratture in iperestensione: Sono molto frequenti nella popolazione anziana e possono associarsi a lesioni midollari per conflitto con il canale spinale stenotico.

continua…

 

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
  • 2
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo