Fratture delle ossa metacarpali e falangi (1^ parte)

28 Marzo 2021
Condividi
  • 2
    Shares

Le fratture delle ossa metacarpali e delle falangi presentano un’estrema varietà da un punto di vista anatomico e anche le indicazioni al trattamento variano molto in considerazione del diverso ruolo di ciascun segmento scheletrico nell’ambito di funzione della mano. Ciascun raggio della mano è costituito da una catena poliarticolare formata da un osso metacarpale e dalle falangi che formano lo scheletro del dito: tre a livello delle dita lunghe e due a livello del pollice. In questa struttura si possono riconoscere elementi fissi e mobili. Mentre le falangi rappresentano tutte elementi mobili, il metacarpo presenta due strutture fisse che sono il secondo e il terzo osso metacarpale.

Classificazione e fisiopatologia

Le fratture delle ossa lunghe della mano possono essere così classificate:

  • Diafisarie: trasverse, oblique corte e lunghe, spiroidi
  • Metafisarie: prossimali e distali, o fratture del collo
  • Epifisarie: da forze di taglio o da avulsione da parte di tendini o legamenti
  • Comminute: da schiacciamento a livello diafisario o epifisario

La scomposizione avviene in maniera tipica per alcune di queste fratture, a opera delle forze muscolari che agiscono sui frammenti. Le fratture diafisarie e metafisarie delle ossa metacarpali sono sottoposte all’azione dei muscoli intrinseci e presentano sul piano sagittale una deformità angolare a vertice dorsale, più evidente nelle fratture trasverse e oblique corte. Nelle fratture oblique lunghe e spiroidi la scomposizione è caratterizzata in prevalenza dall’accorciamento dell’osso. Le fratture articolari della base del primo metacarpale è molto instabile per l’azione del potente muscolo abduttore lungo del pollice che, inserendosi sulla base, tende a lussare il frammento diafisario in direzione radiale. Lo stesso discorso vale per la frattura articolare della base del V metacarpale dove un’azione analoga è svolta dall’estensore ulnare del carpo che determina la scomposizione dorsale della diafisi del V metacarpale.

Quadro clinico e radiografico

Il quadro clinico delle fratture della mano è caratterizzato dalla presenza di dolore e tumefazione locale, a cui si può associare una deformità più o meno evidente in particolare a livello falangeo. Come in tutte le fratture, la diagnosi è essenzialmente radiografica e deve utilizzare proiezioni ortogonali rispetto al segmento esaminato.

Nelle fratture esposte, che a livello della mano sono frequenti, è importante l’esplorazione della ferita per identificare e trattare ogni lesione associata di tendini, nervi o arterie.

continua…

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo




Condividi
  • 2
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com