emanuela-mari.jpg

Emanuela Mari: “il regalo di Natale targato Cordella – Cozzolino”

24 Dicembre 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“L’ennesimo regalo di Natale alla città è  firmato dal duo tragicomico  Cordella – Cozzolino. L’innamissibilita’ del quesito referendario sulla costruzione di un forno crematorio di tipo industriale, promosso dal comitato di cittadini rappresenta L’ennesimo schiaffo alla città. la fida  segretaria generale, ormai deus macchina dell’amministrazione boccia il quesito referendario con argomentazioni da prima della classe, che stavolta però  ha bisogno di qualche ripetizione. Ma la cosa più  sconcertante è  che gli adepti  del prode Cozzolino su Facebook, loro mezzo preferito, paventavano l’ipotesi di una bocciatura già  da tempo. Quindi sarà  il primo Sindaco di un movimento 5 stelle a tappare la bocca ai suoi concittadini con metodi beceri da prima repubblica. E così  i motti ” uno vale uno” la democrazia è in mano ai cittadini ecc ecc vengono sepolti da cumuli di menzogne di quest’amministrazione che ha lasciato  tutti i valori del movimento 5 stelle fuori la porta di palazzo del Pinco dal primo giorno di governo.

Un amministrazione che di pentastellato non ha più  nulla e chissà  se anche stavolta i prodi consiglieri comunali diranno che è  tutto regolare, e chissà  se stavolta i vari meet  up difenderanno l’indifendibile. Il mio personale augurio per l’anno venturo è quello che riescano ancora a guardarsi allo specchio dopo aver rinnegato la democrazia”.

Lo ha dichiarato Emanuela Mari, Vice coordinatore Forza Italia.

 

 

 

 





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo