simbolo rinnova tarquinia

Movimento Rinnova: “Tarquinia, sull’ospedale il Pd critica il Pd”

27 Ottobre 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

FORSE IN ATTO UN REGOLAMENTO DI CONTI INTERNO AI DEMOCRATICI?

“bbiamo letto le dichiarazioni della segreteria del Pd locale sul grave disagio in cui si trova l’ospedale di Tarquinia e in particolare il pronto soccorso intasato di pazienti e a corto di personale.

Ci domandiamo se i democratici locali sono tornati da una lunga gita su Marte o se sono stati sempre sulla terra. Infatti, da anni denunciamo lo stato in cui si trova il nosocomio tarquiniese, con lavori che sembrano non finire mai e problemi di ogni genere. Adesso arriva il Pd tarquiniese che fa la sua sparata fuori tempo massimo e giunge al paradosso di criticare esponenti del suo stesso schieramento. Infatti, vogliamo sommessamente ricordare, che da nove anni il Sindaco di Tarquinia, nonché da un anno anche presidente della provincia, è il signor Mauro Mazzola del Pd. Vogliamo ricordare ai democratici appena tornati dal pianeta Marte che il presidente della Regione è il signor Zingaretti, anch’egli esponente di punta del partito democratico. Vogliamo ricordare che al governo della nazione c’è un certo Matteo Renzi, sempre del Pd, che voleva rottamare la politica e invece rischia di rottamare l’Italia intera.

Questa polemica sull’ospedale, con osservazioni che giungono fuori tempo massimo, serve solo a sviare l’attenzione della pubblica opinione sulle gravi responsabilità del centro sinistra in generale e del partito democratico in particolare e a tutti i livelli istituzionali. Oppure stiamo assistendo a un regolamento di conti interno al Pd, forse nel tentativo di indebolire Mazzola e la direzione sanitaria della Asl in vista delle primarie per la candidatura a primo cittadino.

Noi siamo fiduciosi nel giudizio degli elettori, perché cambiare si può!”.

LO ha reso noto il Movimento “Rinnova” Tarquinia.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •