CORONAVIRUS, NON DIMENTICHIAMO I NOSTRI CARI

30 Marzo 2020 ore 20:30:51
Condividi
  •  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

I cancelli d’ingresso dei due cimiteri cittadini in questi giorni sono chiusi. Il silenzio che regna al loro interno, amplificato dalla mancanza di visitatori, rende ancora più intenso e doloroso il tempo che stiamo vivendo.
Tra le tante ferite che questo maledetto virus ci ha inferto ci sono anche l’impossibilità di salutare chi ci lascia con una orazione funebre, di recitare una preghiera sulla tomba dei nostri cari, di deporre un fiore.
Un’esigenza avvertita da tanti concittadini che, costretti a restare in casa per tutelare la salute di tutti, hanno più tempo per riflettere sulla vita passata.
Insieme all’assessore ai servizi cimiteriali Manuel Magliani e al dott. Carlo Tarantino, come concordato durante la conferenza capigruppo, abbiamo voluto dare una risposta a questa necessità con un gesto d’affetto per i nostri defunti: abbiamo deposto simbolicamente un fiore sulle tombe, lo abbiamo fatto a nome di tutti voi.
Gli operai di Civitavecchia Servizi Pubblici si sono poi offerti per continuare il compito.
Ringrazio per questa opportunità il signor Nazareno De Michelis che ha messo a disposizione dell’amministrazione i fiori, compiendo un gesto di solidarietà, di altruismo e senso civico che si somma ai tanti altri di questi giorni, segnale di attaccamento alla nostra comunità, di coesione e forza. Grazie Civitavecchia. Così il Sindaco di Civitavecchia Ernesto Tedesco su facebook.

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


Condividi
  •  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo