Comunicato su proposte candidature

1 Dicembre 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Allo scopo di chiarire la reale posizione di Forza Italia, si rende necessario spiegare che la recente dichiarazione riportata sulla stampa non comprende alcune considerazioni. Tale omissione finisce inevitabilmente per distorcere la percezione del tutto.

Alla domanda del giornalista sulle possibili proposte della Lega, ho risposto come scaturito dall’ultimo incontro del centro destra, che ben vengano, come candidati della Lega al tavolo, nomi come quelli eventuali di Enrico Zappacosta o Alessandra Riccetti. Avremmo modo di aprire così un confronto. Da parte nostra, Ribadiamo comunque che il nostro candidato è Massimiliano Grasso e che siamo disponibili comunque a valutare con tutte le componenti politiche, comprese (con pari dignità) le liste civiche, un candidato alternativo indicato dalla Lega che abbia determinate caratteristiche. Aver fatto opposizione, anche fuori dal perimetro del consiglio comunale, a questi cinque anni di disastri è un punto che appartiene alla cultura del merito e del lavoro, così come aver fatto riferimento all’area di centrodestra. Altrettanto conta aver avuto esperienza amministrativa, soprattutto dopo che i civitavecchiesi hanno capito sulla propria pelle quanti danni possono fare ignoranza e incompetenza. Per non dimenticare che un ulteriore punto qualificante è rappresentato proprio dalla capacità di aggregare movimenti e liste civiche della stessa area di centrodestra.

È per questo che a novembre del 2017 era stato scelto Grasso a rappresentare le linee programmatiche concordate da tutte le componenti del centrodestra e che lo riteniamo tuttora il miglior candidato, aperti comunque a discutere di altre soluzioni.

Il coordinatore di FORZA ITALIA Civitavecchia – Roberto D’Ottavio



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE


lL PROGRAMMA PER IL MESE LUGLIO DI “ARTE… IN CENTRO”
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •