Capri lotta ma non basta, passa Cagliari

16 Gennaio 2022

Inizia con l’amaro in bocca il 2022 di Capri. La formazione di coach Falbo disputa una buona prova, trovando risposte confortanti anche nei debutti delle ultime due arrivate Giuseppone e Gallo. A sorridere è però il Cus Cagliari che respinge il rientro della Blue Lizard e strappa così la vittoria.

CAPRI: Bovenzi, Rios, Gallo, Manfrè, Dacic
CAGLIARI: Cecili, Puggioni, Prosperi, Caldaro, Ljubenovic

Cronaca – Capri senza Maggi, ma con la presenza delle new entry Gallo e Giuseppone. Pronti via e i primi due punti li realizza Prosperi. Caldaro e Prosperi fanno 0-6, ma Bovenzi sblocca finalmente le padrone di casa. Sale in cattedra anche Ljubenovic, che con cinque punti porta le compagne sul 2-11. Primi punti capresi per Giuseppone, ma il Cus è in controllo e il 6-13 di Niola obbliga coach Falbo al timeout mentre torna sul parquet di gioco Erika Striulli, dopo il lungo stop per infortunio. Giuseppone e Gallo tengono in scia le compagne, ma la trama non cambia e il Cus chiude la prima frazione avanti sul 11-18. Il botta e risposta tra Gagliano e Dacic apre la contesa tra le due formazioni. Puggioni colpisce da tre punti, poi la imita Prosperi e in un amen il Cus vola via sul 14-26. Striulli piazza altri quattro punti in fila, con Gallo che prova a limitare i danni firmano la tripla del 21-32. Cagliari però amministra quanto collezionato, respingendo ogni tentativo di rientro e al ventesimo, è 29-38 sul tabellone. Dopo la pausa lunga, la Blue Lizard riparte col botto producendo con Bovenzi e Dacic i canestri che riavvicinano prepotentemente il punteggio, sul 37-38. Puggioni e Caldaro sbloccano il Cus, ma Bovenzi tiene in scia le compagne sul 41-43. Ljubenovic e Caldaro scrivono il più cinque, ma Bovenzi e Manfrè rispondono per le rime firmando il pareggio a quota 48. Cecili e Niola dall’arco rimettono il Cus al comando (50-54), mentre è Gagliano da sotto a fare nuovamente più sei. Giuseppone realizza un bel piazzato, con la terza frazione in archivio sul 52-56. Il canestro di Rios apre gli ultimi dieci minuti di gioco, mentre Cecili dalla linea della carità risponde con un 2/2. Equilibrio che continua a farla da padrone, con il margine di quattro lunghezze che resiste sul 59-63, a 4’30’’ dal termine. Tre punti di Ljubenovic provano a scavare il break, con Cagliari che tocca il 59-66. Ljubenovic va ancora a segno per il più otto, ma una bomba di Gallo tiene in scia Capri sul 64-69 a 1’30’’ dalla fine. La Blue Lizard però non trova più la via del canestro e lo scorrimento del tempo sancisce così l’ennesimo passo falso delle capresi per il 64-69 finale.

Di seguito le dichiarazioni di coach Falbo: “Partita in salita per un inizio in confusione e sottoritmo. Difficoltà nel riprendere dopo un mese di inattività e problemi legati al covid. Poi abbiamo cominciato a giocare e terzo quarto quarto abbastanza bene, ma alla fine paghiamo sempre i tiri da tre della squadra avversaria e non siamo riusciti a capovolgere il risultato. Buono l’esordio di Gallo e Giuseppone. Torniamo in palestra con la consapevolezza di dover lavorare e recuperare”.

BLUE LIZARD CAPRI-CUS CAGLIARI 64-69

BLUE LIZARD CAPRI: Rios 12, Bovenzi 10, Gallo 14, Manfrè 9, Dacic 11, Porcu ne, Panteva ne, Boccalato, Gesuele ne, Giuseppone 8. Allenatore Falbo

CUS CAGLIARI: Puggioni 13, Caldaro 6, Cecili 5, Prosperi 13, Ljubenovic 18, Serra ne, Striulli 5, Madeddu ne, Niola 5, Gagliano 4. Allenatore Xaxa

Parziali: 11-18; 29-38; 52-56

Arbitri: Consonni e Carella

Uff.Stampa Blue Lizard Basket Capri

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com