VITERBO, “DOPPIETTA” DELL’AIA VITERBESE: MIRKO BENEDETTI E GERARDO SIMONE CARUSO PROMOSSI IN SERIE D

2 Luglio 2020

Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

Splendida “doppietta” della sezione viterbese dell’associazione italiana arbitri. Infatti, nel tardo pomeriggio di ieri, il Comitato Nazionale dell’AIA ha approvato l’elenco degli arbitri promossi alle categorie superiori.

 

L’AIA di Viterbo ha conseguito ben due promozioni. L’osservatore arbitrale Mirko Benedetti e l’arbitro Gerardo Simone Caruso sono stati entrambi promossi in serie D.

Mirko benedetti osservatore arbitrale serie D

“Sono di Tuscania e ho iniziato ad arbitrare nel 1990, ero un ragazzino – ricorda l’osservatore arbitrale Mirko Benedetti – ho seguito le orme di mio padre Leonardo, anche lui arbitro di calcio. Nella mia carriera ho diretto gare fino alla serie C, e poi ho superato il corso da osservatore arbitrale. Ho 44 anni, attualmente lavoro in Toscana, a Scansano, sono sposato con Valentina e abbiamo un bambino di cinque anni di nome Matteo, che l’altro giorno mi ha chiesto di insegnarli ad arbitrare. Vedendo la graduatoria questa promozione era nell’aria – confessa Mirko – ho atteso l’ufficialità per festeggiare con la famiglia. Mio padre Leonardo e mamma Lucia sono stracontenti.”

Arbitro Simone Gerardo Caruso

“Sono nato a Mercato San Severino, in provincia di Salerno – dice l’arbitro Gerardo  Simone Caruso – ho 23 anni e ho iniziato ad arbitrare nel 2013, grazie a mio zio Carmine che mi ha trasmesso questa passione. Sono arrivato a Viterbo per studiare, frequento infatti la facoltà di biotecnologie. Ho fatto il trasferimento dalla sezione AIA di Roma 1 a quella di Viterbo, dove ho trovato un ottimo ambiente e un presidente, Luigi Gasbarri, che ci segue sempre con passione. La mia famiglia è molto contenta di questa promozione. In verità, quando ho iniziato, ero un poco paffutello e i miei genitori, papà Antonio e mamma Luisa, mi prendevano simpaticamente in giro. Nel periodo dovuto all’emergenza Covid mi è mancato molto l’arbitraggio – conclude Caruso –  non vedo l’ora di ricominciare, mi manca il campo e girare la nostra bella Italia.”

“Sono molto contento di questi successi – dichiara il presidente della sezione Aia di Viterbo, Luigi Gasbarri – che vanno a premiare l’impegno e la bravura di due ragazzi splendidi. Queste promozioni devono servire da stimolo ai colleghi più giovani – conclude Gasbarri – ringrazio di cuore l’amico Umberto Carbonari, componente del comitato nazionale dell’Aia e nostro iscritto, perché è sempre vicino alla sezione.”

Aia, associazione italiana arbitri, sezione di Viterbo.

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa







Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo