Usi Civici, FdI Lazio: “La Regione metta fine alla disputa a Civitavecchia”

3 Luglio 2020

Tempo di lettura: < 1 minuti
image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

LAZIO – “La determina del 2013 con la quale si è introdotta l’applicazione degli Usi Civici a Civitavecchia va annullata. Lo stiamo chiedendo da anni, anche con una mozione al Consiglio Regionale presentata nel 2019, che la maggioranza non ha voluto prendere in considerazione, senza tuttavia trovare una soluzione”.

E’ quanto chiedono nuovamente ai vertici della Pisana Fabrizio Ghera capogruppo di Fdi alla Regione Lazio, Simona Galizia, Roberta Morbidelli e Vincenzo Paolombo rispettivamente assessore, capogruppo e consigliere Fdi al Comune di Civitavecchia. Per i meloniani il provvedimento in questione provvedimento riduce di molto o addirittura  nega il diritto dei cittadini di disporre liberamente dei propri immobili, per questo la giunta Zingaretti non può ignorare il parere della magistratura e deve ammettere l’errore commesso.

“Tra l’altro, come attesta la sentenza, – rimarcano gli esponenti di Fratelli d’Italia – la mappatura su cui si basa la determina che attribuisce al demanio i terreni sui quali sono costruiti gli immobili gravati da usi civici, non tiene conto della più recente documentazione storica prodotta e più volte  messa in evidenza dal Comitato Usi Civici. Denunciando questo sopruso abbiamo voluto indicare alla Regione quello che la cittadinanza si aspetta dalla politica, ovvero l’azione che la preservi dai danni economici che questo contenzioso intentato dall’Università Agraria determina. Atteso il mancato fondamento giuridico dello stesso”.

Civonline

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa







Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo