L’ANSI esprime solidarietà al Gaenerale Figliuolo. “La divisa è simbolo dell’onore militare e della Fedeltà alla Patria”.

8 Aprile 2021
  • 2
    Shares

Ruocco (Presidente ANSI): “Solidarietà al Generale Francesco Paolo Figliuolo. La divisa è simbolo dell’Onore militare e della Fedeltà alla Patria Italiana”.

 

L’Associazione Nazionale Sottufficiali d’Italia protesta per le parole, pronunciate dalla scrittrice Michela Murgia nei confronti del Generale Figliuolo, durante la trasmissione televisiva “Di Martedì” condotta da Giovanni Floris su La7.

“Vogliamo ricordare alla signora Michela Murgia che l’Italia è un paese democratico e non c’è un regime dittatoriale – dichiara Gaetano Ruocco, presidente nazionale dell’ANSI – e in democrazia le Forze Armate sono al servizio esclusivo della Nazione.

La divisa indossata dal Generale Figliuolo è simbolo dell’Onore militare e della Fedeltà alla Patria. Il nostro sodalizio, che raccoglie i Sottufficiali Italiani in servizio e in quiescenza, ricorda che tanti colleghi sono caduti in guerra e in pace, nell’adempimento del proprio dovere, indossando proprio la divisa che tanto “spaventa” la signora Murgia.

Il Generale Figliuolo sta compiendo un importante servizio – conclude Ruocco – coordinando efficacemente gli interventi per sconfiggere un nemico invisibile e tremendamente letale come è il Covid 19. Al personale militare e delle forze di polizia, duramente impegnato ad applicare le misure di contenimento alla diffusione della pandemia, in particolare ai colleghi Sottufficiali, vanno il plauso e la solidarietà dell’ANSI.

Ansi, Associazione Nazionale Sottufficiali d’Italia

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo



ottica di luzio nuova



  • 2
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2021, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo