marco piendibene

“IL “PIZZO” SULLE LUMINARIE”

13 Dicembre 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Il dovere di un consigliere comunale è anche quello di appurare la fondatezza delle segnalazioni e dare risposte ai quesiti che i cittadini sollevano quando ci si incontra per strada.
Quello che però mi è stato riferito proprio ieri mi sembra talmente inquietante da sperare che si tratti di una leggenda metropolitana senza alcun fondamento, nata forse per beffeggiare gli scarni addobbi natalizi e ironizzare sulle micragnose luminarie predisposte dall’Amministrazione Comunale in occasione delle prossime festività natalizie.
Il fatto è questo: sembra che lungo tutto il percorso della centralissima via Traiana siano state collocate delle lucine di natale e che, a fronte di questo addobbo, siano stati richiesti 50 euro a tutti gli esercizi commerciali che si affacciano sulla strada.
Sembra poi, incredibilmente, che a causa dei numerosi rifiuti alla richiesta di quello che sembrava un vero e “pizzo”, i responsabili dell’iniziativa abbiano provveduto a smontare le luminarie in corrispondenza dei negozi che si erano opposti al pagamento dei 50 euro.
Sinceramente non credo a quanto mi è stato raccontato perché chi mi ha riferito la storia non ha saputo spiegare le motivazioni per cui venissero chiesti questi soldi né per conto di chi si reclamasse tale somma e perciò tutto mi è sembrato assolutamente grottesco. Tuttavia se la vicenda risultasse anche parzialmente veritiera l’assessore Dantò dovrebbe spiegare alla Città una vicenda dai contenuti sconcertanti”.

Lo ha comunicato in una nota Marco Piendibene

 





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo