il paese che vorrei

Il Paese che Vorrei apre la campagna elettorale

28 Marzo 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Dura critica nei confronti di chi invoca il default del Comune”.
Sabato 24 marzo, il Paese che Vorrei, ha festeggiato con iscritti e simpatizzanti l’apertura della campagna elettorale. Lo scorso 10 dicembre, l’associazione in campo da anni sul territorio, ha annunciato la presentazione di una propria lista alle prossime elezioni comunali.
La grande partecipazione all’assemblea testimonia il profondo desiderio di condivisione e la voglia di voltare pagina partecipando a un progetto concreto disviluppo della città. Davanti ai molti presenti, il candidato sindaco, Lorenzo Casella, ha espresso un totale disaccordo nei confronti di chi, da mesi, invoca la dichiarazione di dissesto finanziario per il nostro Comune.
“La dichiarazione di dissesto è un fatto tecnico che riguarda il rapporto tra i debiti contratti e la relativa possibilità di risanarli e speriamo che questa eventualità sia scongiurata” – ha sostenuto con preoccupazione – “perché il default finanziario di un Comune si traduce in una serie di automatismi che ricadono sulla collettività. Significa imporre tasse alla massima aliquota a tutti, contrarre l’erogazione dei servizi ai cittadini e aumentare le tariffe dei servizi che non possono essere sospesi. Significa anche l’impossibilità di contrarre mutui per la realizzazione di progetti di sviluppo ma il vincolo a contrarne unicamente per estinguere il debito. Significa infine, la svendita dei beni pubblici, la liquidazione di ciò che è rimasto tra i beni patrimoniali comunali e altre eventuali azioni fortemente penalizzanti”.
A pagare il prezzo di tutto questo sarebbero i cittadini. Con quale senso di responsabilità si può invocare una cosa del genere?
Il discorso è continuato evidenziando la necessità di creare le condizioni per trasformare Santa Marinella e Santa Severa. “Com’è possibile limitare la stagione turistica a soli 2 mesi l’anno con le potenzialità di cui disponiamo? L’amministrazione in questo ha un ruolo centrale perché deve affiancare le imprese e le associazioni offrendo loro il supporto e la collaborazione necessari a pianificare attività per l’intero anno. In questo modo sarà possibile diventare un punto di riferimento e produrre un indotto significativo nei settori del commercio, della ristorazione e dell’accoglienza turistica”.
È stato inoltre ricordato il progetto, presentato dal Paese che Vorrei con l’adesione di molte associazioni di Santa Marinella, per la qualificazione del Castello di Santa Severa come luogo di cultura di arte e di formazione, approvato dai Comuni del comprensorio e anche dal nostro, che lo ha poi abbandonato in un cassetto.
Infine, Lorenzo Casella ha duramente attaccato la proposta di project-financing per la costruzione del Municipio. “Ancora si parla della necessità di un Municipio (con due o tre piani di parcheggi sotterranei e centro commerciale, naturalmente per invogliare il finanziatore). E questa “grande opera” ha come obiettivo che il Sindaco e il Consiglio possano disporre di spazi “all’altezza del ruolo”. Noi diciamo NO: finché il Sindaco e il Consiglio non garantiranno una migliore qualità della vita ai cittadini possono tranquillamente rimanere dove stanno. Prima conquistiamo il progresso sociale in termini di occupazione e di riqualificazione ambientale e poi vedremo di dare alla classe politica quello che avrà dimostrato di meritare”.





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo