Elezioni Tarquinia, nasce Civicamente: ”Più amministrazione e meno politica”

27 Febbraio 2019

Oltre Idea Sviluppo nasce un gruppo ”Uniti per il cambiamento”. Obiettivo costruire una coalizione maggiormente connotata in senso civico
«Facciamo appello a tutti coloro che, al di là dei personalismi, vogliano in qualche modo condividere un progetto comune e disinteressato»

TARQUINIA – Civicamente Tarquinia, Uniti per il cambiamento. Oltre Idea Sviluppo. Riparte da qui il gruppo politico che fa capo a Pietro Serafini in vista delle amministrative di primaveraPietro Serafini e Laura Sposetti ripartono con un gruppo, ampliato,  che punta alle piccole “cose”, alla soluzione dei problemi  quotidiani, partendo dai bisogni della gente, dalle numerose questioni lasciate in sospeso e da progettazioni di ampio respiro sulle grandi opere necessarie allo sviluppo della città. E ripartono anche dal genere, possibilmente femminile, quale figura possibile per dare un sindaco, «nuovo», alla città di Tarquinia. Il percorso di dialogo con gli schieramenti è da costruire e il nuovo gruppo lancia un appello a partiti e società civile che, “al di là dei personalismi, vogliano in qualche modo condividere un progetto comune ed assolutamente disinteressato per la nuova amministrazione comunale”.
Chiaro il quadro politico da cui partire: “L’evento amministrativo principale del 2019 è più vicino di quello che si pensi – affermano da ‘’Oltre Idea Sviluppo’’ – Poco più di un mese per la presentazione delle liste e delle nuove proposte elettorali, anche se quelle che attualmente si profilano all’orizzonte politico tarquiniese non sembrano né nuove né “di nuovo vestite””.
Quindi l’elenco dei candidati in embrione: “Il primo ad aver occupato uno spazio importante è stato l’ex sindaco Alessandro Giulivi, che si è posto al sicuro riparo sotto l’ampio ombrello politico della Lega di Salvini, che non potrà comunque proteggerlo da eventuali attacchi di vecchi alleati o garantirgli un approdo sicuramente vincente.  Il secondo, ancorché non ancora ufficialmente dichiarato, è l’ex assessore Sandro Celli, il quale si porrebbe come autorevole esponente del Pd locale, che nell’occasione congressuale di domenica prossima sta tentando di assumere una nuova veste grafica, senza mutare, però, la tendenza egemonica su una parte dello schieramento politico, che in qualche modo è stata superata da un nuovo assetto politico. Ormai il confronto ideologico tra destra e sinistra sembra essere stato sostituito tra posizioni di privilegio e situazioni di degrado sociale ed economico, nell’ultimo periodo meglio interpretato dai così detti movimenti populisti piuttosto che da una parte della vecchia sinistra elitaria.  Il terzo è Gianni Moscherini, indomito combattente alla guida di una armata elettorale che alcuni definiscono simpaticamente “giurassica”, forse supportata anche in termini anagrafici dal sostegno di Catini e dei “resti” di Rinnova.  Il quarto è il dottor Alberto Sabino Riglietti, stimato professionista sanitario, che dopo essere transitato in un gruppo autonomo comunale è approdato nelle file di Fdi (Meloni), del quale si è fatto portavoce e rappresentante locale con la formalizzazione, forse prematura, della sua candidatura a sindaco. Il quinto dovrà essere individuato dal Movimento 5 Stelle secondo schemi e criteri particolari del Movimento, di volta in volta adattati alle situazioni locali (e sembra essere in pole position Andrea Andreanindr). Il resto, i cittadini, i loro interessi, la città con i suoi problemi, le soluzioni e la professionalità necessaria, le prospettive reali e concrete di sviluppo, le modalità di finanziamento, la gestione oculata delle risorse pubbliche, la tutela ambientale sembrano illustri sconosciuti nell’agone elettorale se non in termini surreali, impraticabili, banali, “qualunquemente” esternati in modo generico in un trionfo disarmante di ovvietà.  E’ vero che la politica è fatta di persone, prima che di programmi o di ‘’contratti”, ma sarebbe opportuno un approccio diverso, più umile e meno egocentrico”.
Quindi più amministrazione che politica; confronto e alternanza di genere. “In altre parole – spiegano da Oltre Idea Sviluppo – si dovrebbe parlare più di amministrazione che di politica”. Ed è quello che vorrebbe fare il nuovo gruppo ampliato (ex Idea Sviluppo) in maniera pacata, non preconcetta ed assolutamente non ideologica, partendo dalle piccole “cose”, dalla soluzione dei problemi  quotidiani, dai bisogni della gente, dalle numerose questioni lasciate in sospeso per ovvi motivi e da una progettazione di ampio respiro sulle grandi opere necessarie allo sviluppo della nostra città. Ci è sembrato che un tale approccio, esclusivamente programmatico e fattuale, per avere la necessaria credibilità dovesse essere rappresentato da una figura nuova, possibilmente donna, per interpretare quell’esigenza di alternanza di genere, mai attuata nella nostra città dal dopo guerra (1946 suffragio universale). Naturalmente ci siamo sempre dichiarati disponibili ad un confronto ampio per l’individuazione di un profilo condiviso di competenza e professionalità, tentando anche di infrangere gli schemi esclusivamente maschilisti, ancora una volta riproposti con le candidature a sindaco sopra descritte. Allo stato attuale, invece, questo tipo di approccio è stato “gentilmente” respinto, ogni volta con una specifica richiesta di appoggio acritico all’uno o all’altro candidato sindaco”.
L’obiettivo: costruire una coalizione maggiormente civica. “Ciò nonostante,- affermano da Civicamente –  rimaniamo convinti che solo una coalizione maggiormente connotata in senso civico, partecipata in modo più ampio anche fuori dai circoli politici precostituiti e adeguatamente rappresentata possa dare una qualche speranza di “Buona amministrazione” agli elettori, ormai giustamente disillusi, non più condizionati da schemi ideologici, ormai fautori del voto di opinione e propensi ad affidare la gestione delle proprie cose e dei propri soldi (tasse) a persone affidabili nella vita come in politica.  In tale prospettiva, quindi, pensando anche di “fare un passo indietro” nelle proprie convinzioni ed aspettative, facciamo appello a tutti coloro (partiti e società civile) che, al di là dei personalismi, vogliano in qualche modo condividere un progetto comune ed assolutamente disinteressato per la nuova amministrazione comunale. Alla prossima puntata, quando forse i toni saranno inevitabilmente più aspri, ma in ogni caso auguri a tutti i tarquiniesi”.

fonte Civonline

Commenti

commenti