angeloni fabio

Angeloni: Un affronto al lavoro della Capitaneria

6 Luglio 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“I cittadini denuncino i fumi delle navi”.  Così il Comune sponsorizza la delazione con una mail standard. L’esponente PD chiede il ritiro dell’iniziativa con scuse immediate.

“Una iniziativa pericolosa oltre che ridicola persino offensiva per gli uomini e le donne della Capitaneria di Porto impegnati ogni giorno nella difesa dell’ambiente.
Il Comune pubblicizza sul suo sito ufficiale le “Istruzioni per le segnalazioni di emissioni di fumi anomali da parte delle navi nel Porto”. Un invito esplicito ai cittadini a fotografare i fumi delle navi con tanto di testo standard da spedire via mail  a Capitaneria e Procura.
Solo demagogia e davvero fumo negli occhi: in porto ci sono oltre duecento telecamere che vigilano giorno e notte e sistemi di rilevazione dell’inquinamento ben più avanzati oltre che personale in grado di riconoscere come e quando intervenire 24 ore su 24.
Questo Cozzolino lo sa, ma evidentemente non si fida. E qui l’iniziativa prende il sapore dell’ intimidazione alle forze dell’ordine, del genere: “Attenti che il grande fratello vi guardano”.
Sono contrario ai fumi come alla cultura della delazione e credo che l’iniziativa sia non solo demagogica, ma anche malata, ispirata da un’errata interpretazione del senso civico e che per questo vada ritirata, con le immediate scuse di Cozzolino ai cittadini e alla Capitaneria”.

Lo ha dichiarato Fabio Angeloni.

Istruzioni per le segnalazioni di emissioni di fumi anomali da parte delle navi nel Porto

 





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo