alice paba gardensia

TOLFA, ALICE PABA TESTIMONIAL DELLA “GARDENSIA” A SUPPORTO DI AISM

2 Marzo 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alice Paba, cantautrice di talento e di successo, originaria di Tolfa, è stata scelta come testimonial nazionale AISM per promuovere la grande manifestazione “Gardensia”, in occasione dei 50 anni di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla. La manifestazione si svolgerà, per la Festa della Donna, il 3, 4 e 8 marzo in 5000 piazze italiane, anche in 100 piazze di Roma e provincia. I volontari invitano a scegliere una pianta di gardenia o una di ortensia, o entrambe, per sostenere la ricerca e l’assistenza, due facce della stessa medaglia: l’impegno a fianco delle persone. I due fiori sottolineano lo stretto legame tra le donne e la sclerosi multipla, malattia che colpisce le donne il doppio rispetto agli uomini.
Alice Paba sarà presente al banchetto della “Gardensia”, a Tolfa. Il punto di solidarietà sarà a Piazza Vittorio Veneto, sabato 3 e domenica 4 marzo dalle ore 10 alle 18.

Insieme ad Alice Paba, sono tanti i testimonial che sostengono Gardensia, insieme alla madrina di AISM Antonella Ferrari: Chiara Francini, Paola Marella, Gaia Tortora, Francesca Romana Barberini, Marisa Passera, Massimiliano Rosolino, Gianluca Zambrotta e Marino Bartoletti.
Sempre per sostenere la ricerca scientifica, fino all’11 marzo, si potranno donare 2 o 5 euro inviando un sms o chiamando il numero solidale 45567. I fondi raccolti con l’sms solidale andranno a sostenere un progetto di ricerca scientifica sulle forme progressiva di SM, le più gravi.





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo