petrelli vittorio02

Vittorio Petrelli: “Ballottaggio, che fare?”

29 Maggio 2014

Da Vittorio Petrelli, riceviamo e pubblichiamo.

“Innanzi  tutto ritengo doveroso ringraziare ancora una volta i 2815 elettori di Civitavecchia che mi hanno onorato della loro preferenza nella corsa alla carica di sindaco; risultato conseguito esclusivamente grazie ai cittadini che credono nel nostro sincero ed immutabile impegno civico. La campagna elettorale è stata abbastanza movimentata e abbiamo cercato di infondere negli elettori il concetto del “ buon governo” e cioè la necessità di supportare l’Amministrazione della cosa pubblica con figure di assoluto spessore professionale, tenute fuori dalla contesa elettorale e scelte in base alle loro effettive capacità di risolvere i gravi problemi da affrontare nel breve termine e l’adozione di altre misure necessarie perché sia una Politica di servizio e di efficienza. Molti ci chiedono quale sarà il nostro atteggiamento al  ballottaggio:  la contesa è tra un  sindaco uscente da poco sfiduciato dalla sua stessa maggioranza e un gruppo di esordienti che aggregano i voti di protesta di un elettorato giustamente demoralizzato ma anche suggestionato dalla propaganda di Grillo. Per quanto riguarda l’Avvocato Tidei, noi riteniamo, da tempo,  definitivamente esaurita la sua  esperienza politica in ambito cittadino, a prescindere dalla sua capacità di aggregazione del consenso, basata su vincoli di natura familistica nei quali è sempre più difficile intravedere valori di riferimento da poter condividere. Per quanto sopra il movimento “ripartiamo dai cittadini” non appoggerà la candidatura dell’Avvocato Tidei alla carica di Sindaco, con la piena consapevolezza che l’eventuale vittoria del candidato Cozzolino impedirebbe al sottoscritto – Vittorio Petrelli –  l’ accesso in consiglio comunale che ci attribuisce la normativa. Se il ballottaggio dell’8 giugno rappresenta una sfida tra chi si autofinanzia la campagna elettorale e tra chi invece investe ingenti risorse finanziarie senza dire apertamente chi è o chi sono i finanziatori della campagna allora anche le riserve  verso il movimento 5stelle diventano secondarie. Tuttavia per il bene della città e per presentare una proposta che possa convincere tutti  gli elettori auspichiamo che presto, vincendo le diffidenze, ci si possa sedere intorno ad un Tavolo e confrontarsi su idee e programmi, condividere esperienze  nonostante precise regole vigenti in quel partito che vietano qualsiasi forma di “contaminazione” (palese) con altre aggregazioni politiche; probabilmente anche con quelle – come la nostra – che si pone ben distante da ogni forma di accordo spartitorio di poltrone ed incarichi. Tutto ciò per essere funzionali agli interessi della collettività. In ogni caso il nostro impegno civico rimarrà immutato nelle priorità già individuate: pretenderemo dalla futura amministrazione tutti i provvedimenti necessari – anche quelli più drastici – idonei all’abbattimento dei fattori inquinanti originati da Enel e traffico marittimo, chiederemo chiarezza e trasparenza sulle attuali situazioni del bilancio delle municipalizzate e sui provvedimenti da intraprendere ( compreso il ridimensionamento di HCS) e ci impegneremo a far abolire la  TIA suppletiva 2012. E’ anche nostra intenzione promuovere, soprattutto tra i giovani, un maggior senso di partecipazione alla vita pubblica al fine di stimolare, almeno nelle future generazioni, processi di aggregazione politica non più fondati su vincoli familistici o clientelari ma su legami di cittadinanza finalizzati al rispetto delle regole, al dialogo democratico e al raggiungimento del bene comune. Auguriamo al futuro sindaco ogni migliore fortuna, per lui e per la nostra città. Noi saremo sempre li, accanto ai cittadini… se il primo cittadino vorrà venirci a trovare sarà sempre il benvenuto”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com