Riceviamo e pubblichiamo dal comitato dei cittadini di via Montanucci e vie limitrofe.

“Decine di firme che accompagnano una petizione esposto, sono state consegnate la scorsa settimana, al Sindaco Tidei da parte dei cittadini residenti nell’area intorno al civico 72 di via Montanucci.

Nodo del contendere la realizzazione, all’interno di una zona densamente popolata, di una carrozzeria i cui fumi malsani, emessi dalla canna fumaria annessa al forno di cottura della stessa, di appena 6,50 mt, vengono riversati proprio nelle finestre delle case limitrofe poste a pochi metri di distanza.

A nulla sono valse finora le segnalazioni delle diverse irregolarità riscontrate, a partire dal posizionamento degli invasivi macchinari del forno ad appena 50 cm dal muro perimetrale dell’edificio limitrofo, a quella, ben più grave, del posizionamento di un’industria insalubre, come appunto è una carrozzeria con forno di cottura, in zona residenziale, locazione peraltro non consentita dalle Norme tecniche di attuazione del vigente Piano Regolatore,.

Oltre a chiedere al Sindaco e al Comando di Polizia locale di verificare l’esistenza delle necessarie autorizzazioni e della loro eventuale legittimità, e dopo aver fatto presente che Civitavecchia è dotata di apposita zona industriale atta ad ospitare attività come quella in questione, i sottoscrittori della petizione/esposto hanno chiesto al Primo Cittadino di avvalersi dei poteri del Testo Unico delle Leggi Sanitarie per ordinarne la delocalizzazione in zona idonea.

I cittadini sono fiduciosi che il Primo cittadino saprà comprendere il grave danno che l’avvio di un’attività rumorosa ed insalubre quale una carrozzeria, con fumi che si incanaleranno direttamente nelle finestre degli edifici limitrofi, comporterà alla salute e alla qualità della vita di quanti residenti in zona e voglia agire di conseguenza.

I cittadini, infine, nell’auspicare che non ci si trovi per l’ennesima volta nella situazione in cui la nota vicinanza dei diversi proprietari dell’area ad alcuni politici di maggioranza, comporti che si chiudano gli occhi davanti ad un’evidente ingiustizia ed illegittimità,  sottolineano che comunque sono fermi nell’intenzione di perseguire ogni strada, compresa quella giudiziaria, per vedere tutelati i propri diritti, primo fra tutti quello alla salute”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com