giovani democratici civitavecchia

Via dedicata a Giulio Regeni, Giovani Democratici: “Importante legare un luogo alla sua memoria”

4 Luglio 2020

Tempo di lettura: < 1 minuti
image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

Sono trascorsi ormai più di quattro anni dal rapimento e dal barbaro assassinio del ricercatore italiano in Egitto Giulio Regeni e la sua morte è un mistero. Il dottorando italiano fu rapito il 25 gennaio 2016, e ritrovato senza vita il 3 febbraio successivo nelle vicinanze di una prigione dei servizi segreti egiziani.

Crediamo, come Giovani Democratici Civitavecchia che nella nostra Città sia importante legare un luogo alla memoria di Giulio Regeni e potremmo farlo attraverso un semplice voto di Consiglio Comunale che può, tuttavia, risultare molto significativo e di importante valenza simbolica.

Appoggiamo pienamente la proposta lanciata da Amnesty International e supportata dal PD cittadino. Questa rappresenta non solo un gesto di rispetto verso una famiglia che chiede giustizia, ma anche e soprattutto un modo per tenere vivo nel tempo il ricordo di Giulio e della battaglia per la giustizia che il nostro Paese ha l’obbligo di portare avanti.

Regeni non è una pagina conclusa della storia. Il suo rapimento, il suo omicidio per tortura, la sua agonia, l’abbandono del suo corpo nudo lungo una strada sono ancora lì davanti a noi e lì devono rimanere. Ossessivamente. Guai a quel popolo che dimentica i soprusi patiti dai propri connazionali e che, più in generale, subisce l’assuefazione alle sempre più ricorrenti immagini di soprusi e violenza che giungono da tutto il mondo.

Giovani Democratici Civitavecchia

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa







Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo