Usi civici, oltre mille adesioni all’opposizione del Comune

27 Marzo 2019
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Ufficio protocollo preso d’assalto dai cittadini. Soddisfatto il consigliere La Rosa: “Ciò che è accaduto negli anni passati non deve ripetersi”

CIVITAVECCHIA – Sono oltre mille le adesioni dei cittadini all’opposizione del comune alla nuova perizia dell’Università agraria sugli usi civici. Un boom di partecipazione in questi giorni, oggi era l’ultimo utile, per presentare i moduli di adesione all’opposizione di Palazzo del Pincio. L’ufficio protocollo è stato assaltato sin dalle prime ore della mattina dai civitavecchiesi, fatto che sta a dimostrare quanto il problema degli usi civici sia grave e sentito in città. File che hanno costretto il Comune a potenziare momentaneamente l’ufficio. “Nessun utente – rendono noto dal Pincio –  è rimasto senza servizio”.

Soddisfatto il consigliere comunale del M5S Emanuele La Rosa che commenta: “Nel 2013 i cittadini non furono informati – sottolinea – riguardo la problematica degli usi civici e così fu posto il gravame civico sulle abitazioni di tanti ignari Civitavecchiesi, senza che questi potessero presentare le loro osservazioni”.

Una situazione che nel 2019 non si è ripetuta grazie “all’azione dell’amministrazione comunale, il problema è ormai noto a tutti – evidenzia La Rosa – e non è un caso che più di mille nostri concittadini abbiano deciso di aderire all’opposizione del Comune e alle sue motivazioni.

La grande adesione – conclude il consigliere pentastellato – non può che lasciarmi soddisfatto: il Movimento 5 Stelle rimane vigile e pro-attivo sul tema: ciò che è accaduto negli anni passati non deve ripetersi”.

 

Fonte Civonline



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE


lL PROGRAMMA PER IL MESE LUGLIO DI “ARTE… IN CENTRO”
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
  •  
    3
    Shares
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •