Unione Inquilini, contro la vendita all’asta delle case popolari

29 Ottobre 2014

L’Unione Inquilini ritiene che quanto previsto dall’articolo 3 della legge 80/2014 (il cosiddetto Piano Casa Lupi/Renzi) e dal decreto attuativo del Ministero delle Infrastrutture, relativo alla vendita all’asta delle case popolari, sul quale lo scorso 16 ottobre 2014 la Conferenza Unificata (Regioni e Comuni) ha sancito l’intesa, sia un grave attacco al diritto alla casa ed un’operazione volta alla privatizzazione delle case popolari con il rischio di acquisto da parte delle immobiliari e della rendita immobiliare speculativa. 

In tale contesto gli assegnatari di case popolari e comunali a Civitavecchia  e in Italia rischiano di entrare nel tunnel della precarietà abitativa, se non nel gorgo degli sfratti, visto che la prelazione è prevista per gli assegnatari solo sul prezzo di aggiudicazione dell’asta che parte dal prezzo di mercato.
L’U.I. di Civitavecchia ritiene inaccettabile quanto previsto dal decreto del Ministro delle Infrastrutture ed invitano tutti gli assegnatari delle case popolari  e comunali di Civitavecchia, in sintonia con quanto sta avvenendo in altre parti di  Italia,  ad una  vasta mobilitazione popolare contro il decreto governativo, anche attuando forme  radicali di protesta, che partirà da Giovedì 6 novembre con una raccolta firme in alcune zone della città.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com