La ricerca condotta dal dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio ha portato alla luce dati allarmanti sull’inquinamento ambientale a Civitavecchia che è la prima città del Lazio, e la terza in Italia, per il tasso di mortalità per tumori al polmone e alla pleura. Uno studio che non ha lasciato indifferente il sindaco Pietro Tidei che ha espresso la posizione del Pincio su questa situazione.

“L’Amministrazione non è affatto distratta su questi temi. Fin da subito ha iniziato a fare pressione sull’Autorità Portuale per chiedere più stringenti controlli sui fumi delle navi e maggiore impegno per rendere più sostenibile la presenza dei traffici portuali nella nostra città. Sul traffico – spiega il sindaco Pietro Tidei – è allo studio un progetto complessivo della viabilità cittadina che privilegi il trasporto pubblico, la pedonalizzazione del centro e l’uso di biciclette ed altri mezzi ad impatto zero. Per finire gli accordi con l’Enel hanno introdotto importanti novità sia sui controlli dei fumi al camino che sulla misurazione delle ricadute al suolo dei metalli. Ed entrambe sono novità assolute. C’è bisogno di uno sforzo davvero comune per affrontare la situazione dell’inquinamento. Uno sforzo che coinvolga , oltre all’Amministrazione Comunale, il Porto , la Regione ed anche lo Stato centrale, per arrivare a tutti i cittadini, cui sarà presto richiesto di cambiare alcune delle cattive abitudini relative all’uso dell’auto privata”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com