Trasporto del pesce: addio al polistirolo. A Civitavecchia la sperimentazione

18 Settembre 2019
  • 26
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CIVITAVECCHIA – Ricercare una soluzione alternativa all’uso del monouso nella pesca, in grado di prevenire l’inquinamento del mare. È l’obiettivo del progetto tra Eataly ed il consorzio nazionale per il riciclaggio dei rifiuti dei beni a base di polietilene PolieCo. Lo start della sperimentazione congiunta che prevede la sostituzione del polistirolo con casse riutilizzabili e riciclabili vede protagonista la cooperativa di pescatori di Civitavecchia. I pescatori passando all’utilizzo di cassette in polietilene a partire dai pescherecci eviteranno la produzione del rifiuto a monte. Le cassette contenenti i prodotti dei pescatori arriveranno nei punti vendita di tutta Italia e, dopo che il prodotto sarà messo sui banchi di Eataly, saranno sanificate per ritornare sui pescherecci ed ospitare nuovo pesce fresco che successivamente sarà ancora nelle pescherie di Eataly. Eataly che, già qualche mese fa, si era recata a Civitavecchia «per vedere – avevano spiegato – come opera la cooperativa di pescatori da cui abbiamo scelto di acquistare il nostro pesce. I nostri pescatori limitano le ore di pesca, seguono la stagionalità dei pesci e rispettano le taglie minime. Inoltre, una mappatura accurata permette di non pescare sempre negli stessi posti: in questo modo si crea un perfetto equilibrio tra l’uomo e il mare, con un bassissimo impatto ambientale».

Fonte Civonline





  • 26
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 26
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo