finanza

Un giro d’affari da quasi 800 mila euro. È quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di Civitavecchia e dal Comando Provinciale di Roma che, al termine di un’indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, hanno denunciato 20 persone tra italiani e marocchini per ricettazione e riciclaggio di auto di grossa cilindrata, per lo più Mercedes, Bmw e Audi.L’operazione delle Fiamme Gialle, che era stata avviata a fine 2011, ha portato gli inquirenti a scoprire un traffico illecito di auto di lusso, che venivano clandestinamente esportate in Marocco attraverso la Spagna per essere destinate al mercato nero. L’indagine era partita in seguito ad alcuni controlli di routine al porto di Civitavecchia da parte della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle avevano fermato due marocchini che stavano cercando di imbarcare su una nave diretta a Barcellona una Bmw di grossa cilindrata che risultava priva di un reale proprietario. Subito sono partiti gli accertamenti che hanno permesso agli inquirenti di scoprire l’organizzazione e il suo modo di operare. È emerso che i malviventi si avvalevano della complicità dei proprietari delle automobili, i quali consegnavano le vetture ai componenti del sodalizio e successivamente ne simulavano il furto per poi richiedere alle compagnie di assicurazione il relativo risarcimento. In questa maniera l’organizzazione poteva contare su un duplice guadagno: da una parte quello relativo alla vendita delle automobili al mercato nero, dall’altra quello derivante dalla truffa alle società assicuratrici. Per le 20 persone coinvolte, tra le quali non figurano civitavecchiesi, è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria per associazione a delinquere finalizzata alla simulazione di reato, ricettazione, riciclaggio e truffa ai danni di compagnie assicurative.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com