centrale tirreno power

Tirreno Power, continua la mobilitazione

26 Luglio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Grazie agli scioperi e alle mobilitazioni effettuate in queste ultime settimane, siamo riusciti a sensibilizzare le Istituzioni e i Soci del Gruppo sul grave problema occupazionale che si sta determinando in Tirreno Power.
Dopo l’incontro tenutosi con l’A.D. del Gruppo Engie, durante il quale le Segreterie Nazionali hanno intimato alla Società Francese la necessità che grazie agli scioperi e alle mobilitazioni effettuate in queste ultime settimane, siamo riusciti a sensibilizzare le Istituzioni e i Soci del Gruppo sul grave problema occupazionale che si sta determinando in Tirreno Power.
Dopo l’incontro tenutosi con l’A.D. del Gruppo Engie, durante il quale le Segreterie Nazionali hanno intimato alla Società Francese la necessità che anche i soci si facciano carico di intervenire a sostegno delle garanzie occupazionali, anche Sorgenia, l’altro Socio industriale di Tirreno Power, si è detto disponibile ad incontrare le Segreterie Nazionali il prossimo 28 luglio.
E’ importante che tutti si adoperino affinché il 3 agosto p.v., data nella quale è stato fissato l’incontro presso il MISE, Tirreno Power, che ancora tace, illustri proposte industriali e di gestione degli esuberi utile ad ottenere strumenti in grado di governare la situazione che, ad oggi, è disperata.
Risulta, pertanto, necessario che mercoledì 27 luglio, lo sciopero dell’intera giornata faccia registrare la massima adesione, come avvenuto in quelli trascorsi, e che continuino le manifestazioni di sensibilizzazione sui vari Territori.
adesione, come avvenuto in quelli trascorsi, e che continuino le manifestazioni di sensibilizzazione sui vari Territori”.

Comunicato delle  SEGRETERIE NAZIONALI UIL- UILTEC. CGIL- FILCTEM e CISL- FLAEI.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •