tidei 0236

Il Roma Marina Yachting, fortemente voluto dall’attuale Presidente dell’Autorità Portuale, rappresenta uno dei tanti insuccessi che la gestione dello scalo ha dovuto registrare negli ultimi anni”. A sostenerlo l’ex sindaco Tidei ed attuale consigliere comunale del Partito Democratico che ricorda come, nell’ambito di una grande manifestazione, a suo dire costata centinaia di migliaia di euro pubblici, l’attuale capo di Molo Vespucci si vantava dell’opera alla presenza delle autorità ed indicava che nel Marina Yachting avrebbero trovato rifugio 14 mega-yacht di lunghezza superiore ai cento metri, e altre 150 imbarcazioni di superlusso. Tidei rileva però come delle grandi imbarcazioni   t non si è vista neanche l’ombra “Gli operatori – prosegue l’ex sindaco – sostengono che negli ultimi mesi, forse hanno attraccato due o tre imbarcazioni in tutto e delle circa centosessanta navi che tutti i giorni avrebbero dovuto “affollare” lo scalo, non si ha notizia, così come delle centinaia di posti di lavoro che dovevano essere garantiti dall’indotto”. Per questo, secondo l’attuale consigliere comunale del Pd, bisogna porre un rimedio  che è rappresentato dalla legge sul federalismo demaniale. Tidei invita quindi il sindaco Cozzolino a riacquisire l’intera area per destinarla alle attività sportive e di piccolo diportismo che hanno una tradizione veramente millenaria a Civitavecchia. “Nei prossimi giorni – conclude – predisporrò una specifica mozione per impegnare Sindaco e Giunta a porre fine a quella desolazione alla quale ogni giorno dobbiamo assistere nell’ambito del nostro porto storico”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com