Tia. Sportello Consumatori: “Da quando esiste il Codacons a Civitavecchia?”

9 Aprile 2013

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento dello Sportello dei Consumatori del MDC sul ricorso del Codacons sulla Tia straordinaria.

“Il Ricorso al Presidente della Repubblica di MDC sull’intera HCS (e non solo sulla TIA) è pendente da anni, e senza raccogliere alcun“modulo”.  Non è avviare azioni interminabili la strada per la soluzione, ma confrontarsi.

De Paolis  – Codacons a Civitavecchia, De Paolis – Consigliere Comunale a Civitavecchia, che relazione c’è?

I Volontari di MDC Civitavecchia, per regolamento interno, non possono candidarsi o promuovere candidati, pena l’espulsione: finiamola con la sciocchezza della strumentalizzazione politica di MDC.

Dopo anni che i Cittadini di Civitavecchia, quando vogliono rivolgersi al CODACONS, sono costretti a recarsi a Roma oppure a Viterbo, si scopre che il CODACONS esiste anche a Civitavecchia. Da quando? Dove si era nascosto finora? La cosa ci sembra alquanto strana perché la sede di Civitavecchia non risulta ne negli elenchi tenuti presso il Ministero dello Sviluppo Economico, ne sulla pagina “dove siamo”del sito CODACONS.IT .

Comunque é un’ottima notizia per i Cittadini che gli organismi di tutela si moltiplichino e, se il Comune si deciderà a concedere il tavolo per le Associazioni Nazionali, sarà un piacere avere qualcuno al proprio fianco a discutere dei mille problemi dei Consumatori, soprattutto di quelli che non riescono a giungere agli onori della cronaca. Ovviamente sarà cura della “responsabile locale” far aggiornare tutti gli elenchi, incluso quello presso il Ministero,ed aprire uno sportello dove ricevere giornalmente i cittadini fornendo TUTTI i servizi dell’associazione, esattamente come fa MDC da ben 4 anni, fornendo un numero non a pagamento dove prendere un appuntamento.

Leggiamo, inoltre, che la Dottoressa Sabrina de Paolis avrebbe detto che l’unica azione che può annullare la delibera è il Ricorso al Presidente della Repubblica.Non capiamo perché non ci ha fatto questa obiezione, e detto le proprie intenzioni,  quando, per ben due volte, è venuta presso la nostra sede a chiedere “informazioni” su quali illegittimità avevamo riscontrato:le avremmo tranquillamente spiegato perché avevamo deciso di non percorrere quella strada.

Se si fosse presentata a noi come esponente CODACONS, e non come semplice“consulente”, avremmo sicuramente collaborato:MDC e CODACONS sono entrambi membri di“CASPER”  (Comitato Contro le Speculazioni ed a favore del Risparmio) ecollaborano da anni in moltissime azioni. A Civitavecchia il“neonato” CODACONS locale sminuisce gratuitamente MDC che, ricordiamo, ha già vinto 3 ricorsi al TAR contro il Comune di Civitavecchia, perché?Se ambedue le Associazioni operano a tutela del consumatore senza fini politici, la scelta normale è la collaborazione, come abbiamo già fatto con CODICI, vincendo.

Parliamo poi della azione scelta dalla De Paolis, e perché non abbiamo percorso noi quella strada:  Un ricorso al Presidente della Repubblica contro la delibera che è alla base dell’affidamento dei servizi ad HCS è stato presentato anni fa da MDC, senza chiedere alcuna adesione ai cittadini (non servono se si è rappresentativi a livello locale), ed ancora non è giunto a sentenza.

Siamo contenti che il CODACONS depositi questo ricorso,  fra alcuni anni sapremo come si pronuncerà il Presidente. Noi siamo abituati a tutelare OGGI il consumatore, ed OGGIl’unica strada per impedire al Comune di multare il cittadino è quella dell’Interpello che, purtroppo, a differenza del Ricorso al Presidente della Repubblica, richiede l’adesione del singolo intestatario, e che l‘intestatario non abbia pagato la fattura.

Ritenendo però utile ogni azione vada in direzione del sostegno al cittadino, se la Dottoressa Vuole, siamo a disposizione a controfirmare il suo ricorso per dare al CODACONS Nazionale la rappresentatività locale e non costringere i cittadini a nuove file, oppure è stata proprio la popolarità della nostra azione a consigliare alla Dottoressa di lanciarsi in questo ricorso?

Per quanto riguarda le ormai“noiose” e “surreali” accuse di strumentalizzazione politica precisiamo che tutti coloro che operano come attivisti di MDC non potranno, per regolamento interno, partecipare alle elezioni o sponsorizzare un candidato, pena l’immediata espulsione pubblica dall’associazione ed il perseguimento in sede civile e penale.

Dall’ “altra parte”notiamo che questo CODACONS di Civitavecchia,  è diretto dalla Dottoressa Sabrina de Paolis e ci chiediamo:che rapporti ci sono fra Sandro De Paolis, consigliere comunale in carica e Sabrina De Paolis, “rappresentante locale”CODACONS?

Sicuramente nessuno, ma dato che ci si accusa di strumentalizzazione politica, pensiamo che questa coincidenza vada chiarita, o no?

Ribadiamo il nostro rispetto e la nostra amicizia con il CODACONS, essendo il nostro direttore locale seduto accanto ad esponenti CODACONS sia in sede provinciale che in sede regionale, e sicuramente perdoniamo alla responsabile locale questa “caduta di stile” dovuta all’inesperienza, se di questo si tratta.

Le Associazioni APOLITICHE a tutela del cittadino, infatti, a differenza dei partiti, sono abituate a collaborare, e non ad andare ad“informarsi” su cosa fanno gli altri per poi proporre una propria azione.

Invitiamo la Dottoressa de Paolisa venirci a trovare per la terza volta, ora che finalmente ci ha spiegato che è del CODACONS, e potremo tranquillamente organizzarci per combattere insieme altre mille battaglie,ma noi di MDC una “gara a chi è il più bravo” sulla pelle dei cittadini non la facciamo”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com