macroarea

Macroare under 12 ovvero le prime 2 qualificate di ogni regione del centro italia , 8 in tutto per la qualificazione ai campionati italiani. Al primo turneo Aureliano batte Napoli 1 per 2 a 0 con vittorie di Renè Hallemans su di sarno 42 per 60 60 e di Denis Hallemans su Orofino 43 per 63 36 63. Si accede alla finale, chi vince va agli italiani e Aureliano batte Benevento 2/1con vittorie di Denis Hallemans su Organista 64 63, sconfitta di Renè Hallemans contro Sangiuolo per 62 60 e vittoria al doppio 76 63. L’Aureliano accede tra le prime 8 squadre d’Italia e dal 27 al 29 settembre si giocherà il tricolore a Milano. Nel frettempo Renè Hallemans da Sabato sarà impegnato ai campionati italiani individuali under 12 a Milano seguito dal maestro Carlo Oroni mentre Lavinia Bollo sarà di scena in Abbruzzo ai campionati italiani under 14 seguita dal Maestro Carlo Piaggio. Auguri a questi ragazzi che stanno portando il nome dell’aureliano e di Civitavecchia in giro per l’Italia. Nella foto Capitano Carlo Oroni, Capitano Simone Sbrozzi Vanni, Team Manager Claudio Manfroncelli, Renè Hallemans, Denis Hallemans, Claudio Rotella. Questo il commento di Carlo Oroni. “Giornata lunga ma era difficile pensare altrimenti. Si inizia con Renè che cede a Sangiuolo 41 campano, il punteggio è severe 62 60 ma Sangiuolo si è dimostrato il miglior under 12 mai incontrato fin ora, granfisico eccellente tecnica e nessuno spiraglio per René Hallemans. Poi tocca a Denis Hallemans che incontra Organista 41 e probabilmente sbagliando solo 3 palle in tutto il match fa suo il punto che ci porta al doppio per 64 63. Al doppio di nuovo un capolavoro, 51 sotto kiler point vinto ci carichiamo inizia la rimonta fino al 6 pari a qual punto tutti con la paura, poco lucidi sia noi che loro, Renè sul 14 pari smasha da fondocampo, loro sbagliano un dritto il primo set è nostro. Non ci fermano più, non ci prendono più,non ci vedono più, sul 53 killer point Renè arismasha da fondocampo e insieme a Denis che dal palleggio preliminare in doppio ancora non aveva sbagliato ci portano tra le prime 8 d’Italia. Non siamo abituati, non sono abituato, il mio amico Silvano che sa le cose dice che è una favola stupenda,io sto qui a dire che non ci posso credere. Grazie al capitano Simone Sbrozzi Vanni, al team manger Claudio Manfroncelli e a tutti quelli che prendono il mio posto quando io non ci sono”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com