Teatro Nuovo Sala Gassman, Marco Fiorini “Ciancicagnocchi”

18 Ottobre 2019
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Dopo aver scoperto di essere l’erede sconosciuto del Conte Olimpio Torre del Giglio, Gigi, ladro e fannullone cresciuto per le vie di Trastevere, chiamato Ciancicagnocchi per via della sua balbuzie, farà di tutto per farsi riconoscere quanto dovutogli dal ricco e potente nonno”. Ciancicagnocchi, in programma sabato 19 (ore 21.00) e domenica 20 ottobre (ore 19.00) al Nuovo Sala Gassman, “è un affresco dal ritmo narrativo serrato, fortemente legato alla tradizione del genere. Tra risate, colpi di scena, cenni storici e battute in romanesco, lo spettacolo racconta la storia di un uomo qualunque, in un’epoca dai grandi tumulti politici e sociali. Ciancicagnocchi si muove tra volgo e santità, speranze e illusioni nella quotidiana lotta per la sopravvivenza. Augustarello, Annarella, Magnacarne, Mario Castellani e Righetto, uniranno i loro sforzi, motivati da sentimenti diversi ma convergenti, per fargli ottenere la vita ricca ed agiata fin lì desiderata che, ben presto, si rivelerà strettamente legata alle sorti della rivolta guidata dal Triumvirato composto da Mazzini, Saffi ed Armellini”. Un bravissimo attore – Marco Fiorini – capace di interpretare contemporaneamente diversi personaggi; un lavoro teatrale unico e coinvolgente. Regia di Gabriele Mazzucco. Per le prenotazioni: botteghino, dal lunedì al venerdì, dalle ore 16:00 alle ore 20:00 oppure chiamando allo 0766.672382 o ancora al 328.1224154.

Teatro Nuovo Sala Gassman


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo