flauto magico

Tarquinia, Margoni e Rugani chiudono il cartellone di Etruria Musica Festival

3 Agosto 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 7 agosto, alle ore 21.30, nella chiesa di Santa Maria in Castello concerto per violino e pianoforte.

Il violinista Ivos Margoni e il pianista Simone Rugani chiuderanno il cartellone della XVI edizione di Etruria Musica Festival. I due giovani musicisti, il 7 agosto, alle ore 21.30, nella chiesa di Santa Maria in Castello (ingresso libero), proporranno al pubblico un repertorio che spazia da Niccolò Paganini a Franz Schubert, da Fritz Kreisler a Jules Massenet, da Johannes Brahms a Pëtr ll’Ič Čajkovskij e Pablo De Sarasate. Ivos Margoni ha iniziato a studiare il violino all’età di sei anni. Attualmente studia con Marco Fiorentini e con Mariana Sirbu. Frequenta il liceo musicale “Farnesina” dove, oltre a studiare il violino con Virgilio Gori, ha anche intrapreso lo studio del pianoforte. Vincitore assoluto in vari concorsi nazionali e internazionali, ha suonato in Svizzera, Germania, Francia e Scozia. Simone Rugani inizia lo studio del pianoforte all’età di sei anni, diplomandosi presso l’istituto musicale pareggiato “Pietro Mascagni” di Livorno. Vincitore assoluto di vari concerti nazionali e internazionali si è esibito in Italia, Svezia, Scozia e Russia. Etruria Musica Festival è organizzato dell’associazione Sound Garden in collaborazione con l’Officina dell’arte e dei mestieri “Sebastian Matta” di Tarquinia, si avvale del contributo economico della Fondazione Cariciv e del Comune di Tarquinia.

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo