mast

Tarquinia. Le opere dei bambini delle scuole elementari e medie in mostra al MAST

27 Giugno 2013
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Venerdì 28 giugno il MAST, il Museo di Arte Sacra di Tarquinia (via Roma n. 11), ospiterà la mostra delle opere realizzate dai bambini della 5ª elementare della scuola “Corrado e Mario Nardi” e della 2ª media dell’I. C. “Ettore Sacconi”, nell’ambito del progetto “Vieni al MAST” finanziato dalla Fondazione Cariciv. I lavori saranno esposti dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.30 alla presenza delle curatrici dell’iniziativa le dott.sse Valentina Valerio e Barbara Deledda e dell’illustratrice Roberta Angeletti. La giornata si concluderà alle ore 19.00 con il saluto del sindaco Mauro Mazzola, dell’assessore alla Pubblica Istruzione Sandro Celli, del presidente della Fondazione Cariciv Vincenzo Cacciaglia, del responsabile dell’Ufficio Beni culturali della Diocesi di Civitavecchia e Tarquinia Giovanni Insolera e del dirigente scolastico Angelo Maria Contadini. Nato dall’esigenza di creare un rapporto diretto e continuo tra il MAST e le scuole del territorio, il progetto è stato attivato quest’anno con due laboratori sui temi del “ritratto” e del “museo” divisi in tre momenti: la visita agli ambienti museali, la lezione teorica in aula e l’atelier creativo. Nell’atelier dedicato al “ritratto”, sotto la guida dell’illustratrice Angeletti, gli studenti della 2ª media hanno realizzato una galleria di dipinti a tempera e a pastelli su cartoncino di alcune personalità del proprio istituto scolastico – insegnanti, collaboratori, dirigenti amministrativi -, su fotografie appositamente predisposte. Nel laboratorio dedicato al “museo”, gli alunni della 5ª elementare hanno allestito due spazi del MAST realizzati su modello di cartone in scala. I bambini hanno selezionato le opere da esporre, hanno deciso se corredarle delle cornici e, dopo aver predisposto gli sfondi, le hanno collocate sulle pareti, manifestando una libera e creativa reinterpretazione del museo.



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •