Tarquinia. All’IISS “Cardarelli” nuove tecnologie e spazi flessibili

3 Maggio 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nell’ottica di migliorare sistematicamente le proprie dotazioni didattiche ed essere sempre al passo con le tecnologie che hanno una rapidissima evoluzione l’I.I.S.S. “Vincenzo Cardarelli” ha aderito e concluso il Progetto PON Avviso Prot. n. AOODGEFID/12810 del 15/10/2015 – Ambienti digitali. La proposta progettuale della scuola denominata “Nuovi spazi per un apprendimento nuovo” che ha ottenuto un finanziamento di € 18.700,00, è composta da due moduli distinti, “Scuola aperta” e “Didattica Flessibile”. Il primo ha consentito l’allestimento di una postazione informatica all’ingresso della sede centrale della scuola, composta da un PC fisso e un monitor da 50 “, per favorire l’accesso di tutti gli utenti ai dati e ai servizi digitali della scuola (comunicazioni, iscrizioni on-line, registro, pagelle, etc.). Con il secondo, che si compone di 30 mini laptop con doppio sistema operativo (Android e Windows) completi di carrello mobile per la ricarica, monitor led 65” touch, due pc fissi e un laptop, sono stati realizzati due ambienti flessibili per l’integrazione della didattica con le nuove tecnologie e per la formazione permanente del personale della scuola. Le dotazioni informatiche acquisite consentono di ripensare gli spazi al di là degli schemi tradizionali, sfruttando la tecnologia mobile e wireless per una didattica collaborativa e multimediale.

Gli spazi diventano flessibili: le attrezzature tecnologiche possono essere utilizzate in aula, in laboratorio o altrove, con la possibilità di rimodulare gli spazi in coerenza con l’attività didattica prescelta, che può essere rivolta non solo agli studenti, ma anche ai docenti, al personale della scuola e ai genitori.



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •