pasquini

Speciale Elezioni. La notte di Antonio Pasquini

13 Giugno 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 55,01% degli Allumieraschi ha scelto come sindaco il candidato della lista 3.
Eravamo sul posto e abbiamo raccolto le prime dichiarazioni del neo sindaco Antonio Pasquini, che è scoppiato in lacrime
ed è stato acclamato dai suoi con spumante e fuochi pirotecnici.
Siamo quasi alla fine dei risultati e a livello di preferenza il rapporto è di 1 a 2. E adesso arriva il bello.

«Si! Aspettiamo ancora la sezione numero 3 che ancora deve terminare, però siamo in netto vantaggio. Ciò significa che abbiamo lavorato bene e che il paese ci ha dato fiducia. Tante le donne: la Franceschini è in vantaggio con un ottimo risultato. Ora vediamo gli 8 che entreranno in consiglio. Però, abbiamo sempre detto che non solo questi 8, ma tutti e 12 i candidati
consiglieri collaboreranno all’interno dell’amministrazione. Non solo: anche i gruppi di lavoro e tutti i cittadini faranno parte di questo percorso ».
I candidati ABC sono andati tutti via…
«Si infatti mi dispiace, sono rimasti solo i rappresentanti di lista. Stavo cercando il candidato sindaco Cammilletti per stringerle la mano. Visto che faranno parte della minoranza in consiglio, sono certo che faremo un ottimo lavoro insieme. Finite le schermaglie della campagna elettorale adesso possiamo cooperare. Anche i 5Stelle hanno fatto un ottimo risultato considerando che la loro lista è solo di 9 persone. Tutto ciò denota che vi è stato un po’ di malcontento all’interno della comunità e perciò dovremmo analizzare le soluzioni, che poi sono i punti del nostro programma. Decoro urbano, acqua, riaperture delle scuole
e illuminazione al led sono le 4 cose principali da fare all’interno della comunità per i primi giorni di amministrazione».

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •