SPATOLA_LOCANDINA-1

“Spatola a spatola”, la mostra dei ragazzi di Tarquinia sbarca a Roma

16 Marzo 2018
Tempo di lettura: < 1 minuti
image_pdfDownloadimage_printStampa

L’esposizione del Centro Socio-riabilitativo “Luigi Capotorti” sostenuta anche da Alicenova.

La mostra d’arte “Spatola a spatola. La creatività non ha limiti” dei ragazzi del Centro Socio-riabilitativo “Luigi Capotorti” di Tarquinia sbarca a Roma presso la galleria Talent Art in Via Ferdinando Martini 7 (quartiere Talenti). L’esposizione, inaugurata venerdì 16 marzo 2018 alle ore 19, resterà aperta fino a domenica 18 marzo.

A sostenere l’iniziativa, con il Comune di Tarquinia e la ASL Viterbo, anche la cooperativa sociale Alicenova. Le opere esposte sono state realizzate dai ragazzi del Centro in collaborazione con l’artista Giacinto Mazzola.
 “Spatola a spatola”: come dire spalla a spalla, con un significato che riporta a parole quali inclusione e collaborazione qui messe in pratica per pensare e realizzare vere e proprie opere d’arte frutto del confronto cooperativo di tutti i ragazzi.
 Tutte le opere esposte sono state realizzate con la particolare tecnica della pittura a spatola.

“Vivendo ‘spatola a spatola’ con i ragazzi – dice Giacinto Mazzola – interloquendo e partecipando alle loro creazioni, ho percepito la loro forza quindi le potenzialità che potevano essere espresse e, nel contempo, ho rafforzato ancor di più il senso del valore della vita”.

La cooperativa sociale Alicenova ringrazia l’associazione artistico-culturale Talent Art per la concessione dei locali e Giacinto Mazzola, Maria Zamboni e Angelo Paionni per la loro disponibilità e sensibilità.

image_pdfDownloadimage_printStampa


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo