Foto Gaetano per articoli

Sicurezza acque balneabili, l’intervento della Comitato Sisp Romasanitas

13 Aprile 2013

La bella stagione è ormai alle porte e con essa la nostra voglia di vivere all’aria aperta si riacutizza. Tutto questo può sembrare, apparentemente, gradevole e salutare. Il Comitato Sisp Romasanitas, sempre attento al benessere fisico dei cittadini, ritiene utile ed opportuno mettere in evidenza e ricordare a tutti che terra, aria ed acqua non sono più “quelli di una volta”. Per non allargare troppo il discorso ci limitiamo a parlare di acque, tralasciando per ora di parlare anche di quella potabile, su cui in seguito sicuramente ritorneremo. Parliamo dunque di acque cosiddette “superficiali” ovvero quelle dei fiumi, laghi e naturalmente dei mari, che come si diceva all’inizio saranno ben presto frequentate con l’avviarsi della stagione estiva; …belle, fresche, chiare…ma è veramente così? Secondo il Direttore Tecnico Massimo Derago -purtroppo coloro che hanno in mano la gestione territoriale non sempre sono in grado di garantirci tutto ciò, e a farne le spese è il comune cittadino, compreso e anzi forse di più “i piccoli cittadini” cioè i nostri figli!!! Perché proprio loro? E’ presto detto, basti pensare al legittimo desiderio di ogni bambino di andare in acqua per divertirsi giocando, sguazzando e purtroppo ingurgitando piccole quantità di acqua. Che sia di mare, di lago o di fiume poco ci interessa, il punto è che dovremmo prodigarci da subito a mettere a riparo dall’inquinamento, ovvero dalla presenza di agenti contaminanti di origine organica o chimica, questo bene meraviglioso che chiamiamo acqua. Sisp Romasanitas desidera sensibilizzare tutti i diretti interessati affinché si continuino ad effettuare controlli utili a garantire un discreto livello qualitativo delle nostre acque costiere ed interne, ed a prendere provvedimenti in merito, qualora vi fosse la necessità di migliorare la qualità delle stesse, ed invita i cittadini tutti a tenersi sempre informati per il bene proprio e delle proprie famiglie. Il Presidente Gaetano Borriello puntualizza che – oramai, da qualche anno, assistiamo alla solita storia di un mare che, in Estate, diviene spesso maleodorante e di colore sospetto. In questo periodo aumentano i casi di bambini che contraggono malattie, come ad esempio quelle della pelle o gastroenteriti, dopo aver fatto un bagno in acqua che poi risulta contaminata. Ordiniamo, quindi, una gestione controllata e preventiva in tutti i mesi dell’anno, e non solo a ridosso del periodo estivo, di fossi, fognature, depuratori, anche con analisi qualitative di tipo tossicologico e batteriologico. Non ci risparmieremo a denunciare ogni eventuale situazione di pericolo che possa minare la salute, a tutela dei cittadini.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com