smac liberty sunset race

Settimana fantastica per il Santa Marinella Athletic Club

4 Giugno 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Settimana fantastica per il Santa Marinella Athletic Club, che è stata grande protagonista nelle gare su pista, strada e nel trail. Giovedì pomeriggio a Civitavecchia il presidente dello Smac Luca Tassarotti ha dominato la terza edizione della Liberty Sunset Race (10 km), arrivando in solitudine al traguardo di piazza della Vita, con un vantaggio di oltre un minuto e mezzo sul secondo classificato. Successi di categoria invece per Roberto Filipponi, Valter Michesi e Raffaella Riccobello. Buone prove anche per Fabio Costantini, Massimo Rosadi, Marco Porchianello, Francesco Verde, Enrico Cocco, Daniele Scotti, Enrico Franchi, Adriano Grassi, Paolo Savino, Claudia Iannetti e Giuliano Natali. Sempre giovedì è arrivata anche la vittoria in terra siciliana di Alessio Zappia. Lunedì il capitano Andrea Azzarelli ha sfiorato invece il successo all’Urban Trail (10 km) di Roma, chiuso al secondo posto alle spalle del campione italiano della specialità. Lo scorso fine settimana nelle gare su pista si è messo in grande evidenza Antonio Vianelli. Il vicepresidente dello Smac nella giornata di sabato ha ottenuto la sua miglior prestazione sui 1500 metri a Rieti con il tempo di 4’16″30, mentre domenica allo stadio dei marmi a Roma nella manifestazione “Sulle orme di papà, organizzata dalla Fidal Lazio e dall’Esercito, ha fatto fermare il cronometro sul tempo di 2’43″70 sui 1000 metri, ottenendo anche in questo caso il personal best. “sono molto soddisfatto di queste mie due prestazioni che confermano che con il giusto lavoro e la passione si ottengono risultati . Questo è l’orizzonte che dal 2013 insieme al presidente ci siamo prefissati – ha spiegato Antonio Vianelli -, ei fatti ci stanno dando ragione. Avanti cosi e il meglio deve ancora venire”.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •