Carabinieri largo della pace

Scattato il blitz a Largo della Pace

30 Settembre 2015
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Controlli, a tappeto, a largo della Pace. Carabinieri della stazione di via Antonio da Sangallo e funzionari dell’Ispettorato del Lavoro hanno effettuato delle verifiche nei confronti di tutti coloro che operano all’interno dell’area, come noto, oggetto di polemiche accese a livello politico. Non solo, quindi, tassisti e NCC, oggetto di controlli già in passato, ma controlli anche nei confronti dei lavoratori e quindi di tutti coloro che si trovassero in quel momento all’interno dell’area.  Controlli il cui fine è quello di prevenire e contrastare l’abusivismo, scovare tassisti e noleggiatori senza licenza e anche scoraggiare i fenomeni di soprusi che a volte si sono registrati tra i lavoratori per motivi di concorrenza.

largo della pace turisti

Resta da capire, i risultati di questi controlli e se si avranno nei prossimi giorni possibili risvolti giudiziari. Fatto sta, indipendentemente da quanto risulterà dai controlli, la zona è avvolta nel più completo caos, con la mancanza del minimo servizio per i croceristi che finiscono per essere ammassati in attesa dei bus. Con il risultato di rendere il parcheggio una enorme sala d’attesa all’aperto, con tendoni da circo come cartolina. Ma d’altronde il tema dei croceristi è da sempre uno dei più dibattuti non solo a livello politico. Sono sempre da capire gli effetti benefici sull’economia cittadina, ormai in crisi irreversibile ed in particolare sulla attività commerciali, al di là dei proclami che non trovano riscontro nella realtà dei fatti: basti vedere le tante serrande abbassate nelle strade del centro.

largo della pace parcheggio chiuso

Ma senza poi dimenticare poi gli effetti “dannosi” legati alla presenza di bus e ncc che transitano senza alcun controllo per le vie della città. Anche questo un dato facilmente riscontrabile, con il traffico per lunghe ore impazzito proprio in prossimità di Largo della Pace, con risvolti sulla salute facilmente immaginabili. Eppure, a Palazzo del Pincio, su questa tema è calato da tempo il silenzio: i furori ambientalisti di gran parte degli ex rifondaroli, verdi sbiaditi ora Cinque Stelle si sono sciolti da tempo. Ma si sa, a Civitavecchia l’unica fonte di inquinamento è l’Enel. Traffico e porto, il primo originato dal secondo, sono temi che non vengono toccati e su cui torneremo nei prossimi  giorni.


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo