santapanorama

Santa Marinella. Intervento della Polizia Locale, identificati 4 romeni

14 Novembre 2013

La Polizia Locale di Santa Marinella, su azione del Comandate Cap. Keti Marinangeli è intervenuta ieri l’altro nei pressi del Centro Commerciale del Rione Valdambrini dopo numerose segnalazione di cittadini in merito alla presenza di alcuni “vagabondi” che stanno creando serie preoccupazioni agli abitanti della zona e ai numerosi fruitori degli esercizi commerciali presenti, dove tra l’altro insiste la Farmacia Comunale, gli uffici della ASL RMF e la Scuola Matera e d Elementare “Vignacce”. Gli agenti Simmi e Cappelletti sono intervenuti sul posto, identificando gli individui i quali presentavano regolari documenti, ma che comunque saranno sottoposti ad ulteriori controlli per verificare eventuali procedimenti a loro carico. Il monitoraggio del quartiere e di altre zone della città sarà quotidiano, come richiesto esplicitamente dal Sindaco Roberto Bacheca e dal Consigliere Comunale Massimiliano Calvo. Ringrazio il Comandante della Polizia Locale – dichiarano Bacheca e Calvo – per aver tempestivamente accolto le nostre richieste di intervento, visto e considerato che la presenza costante e invadente di questi individui sta creando non poche preoccupazioni agli abitanti della zona ed ai numerosi fruitori del Centro Commerciale. Comprendiamo benissimo questo diffuso disagio – continuano – ma le leggi dello Stato sono, molto spesso, inadeguate e approssimative, visto e considerato ad esempio, che il bivacco o il vagabondaggio non sono più considerati reati. Per cui bisognerebbe cogliere sul fatto i trasgressori, ma molto spesso è più facile a dirsi che a farsi. Nonostante ciò – concludono – le Forze dell’Ordine monitorano quotidianamente i nostri quartieri e intervengono laddove possibile alla bonifica e alla messa in sicurezza di luoghi molto spesso ricoveri di fortuna senza i minimi requisiti igienico-sanitari. In merito a questo – conclude Bacheca – ho scritto ufficialmente all’ANAS per chiedere l’utilizzo delle Case Cantoniere in comodato d’uso gratuito da utilizzare come strutture sociali e culturali per la nostra comunità”. 

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com