SANTA MARINELLA ALL’AMBASCIATA DI SVEZIA, CHEGIA: “UN’OCCASIONE PER FARE RETE”

12 Dicembre 2019
Condividi

L’Ambasciata di Svezia ha portato da diversi anni  in Italia una delle tradizioni più amate e suggestive del calendario svedese: la festa di Santa Lucia.

A quanto pare,  Santa Lucia si festeggia davvero dappertutto, all’alba del 13 dicembre migliaia di bambini e adolescenti illuminano il buio invernale con canti, dolci e candele. In ogni angolo del Paese, nelle famiglie, scuole, asili, uffici, negozi, ci si riunisce per ascoltare le incantevoli melodie natalizie e per festeggiare la luce in attesa del Natale.

Non potevano mancare i festeggiamenti a Roma presso presso l’Ambasciata di Svezia, presente L’amministrazione Comunale di Santa Marinella rappresentata dalla consigliera Maura Chegia.

CHEGIA – “Ringrazio l’associazione Santa Marinella Viva per avermi invitato a questa cerimonia, con un valore particolare poiché il padrone di casa, l’Ambasciatore Robert Rydberg  giunge alla fine del suo mandato in Italia. Una serena occasione – prosegue Maura Chegia –  per prendere contatti anche con gli illustri ospiti del ricevimento, ad esempio con il critico cinematografico Rosario Tronnolone con il quale abbiamo programmato di rendere un omaggio a Fellini direttamente  a Santa Marinella per il 25esimo anniversario della sua morte.

Questi momenti  – conclude Chegia – sono una opportunità per scambiare idee con altre realtà dal punto di vista culturale, turistico ed amministrativo nonché ghiotte  occasioni per accrescere una rete di contatti che, con il lavoro di questa Amministrazione diventa sempre più fitta ma soprattutto proficua.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo





Condividi

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo