happy-prince

Sala Buonarroti. “The Happy Prince” e “La mélodie”

16 Maggio 2018
Condividi

The Happy Prince

Mercoledì 16 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30

The Happy Prince, il film diretto da Rupert Everett, racconta gli ultimi giorni di vita di Oscar Wilde (Everett), reduce da un periodo di grandi successi letterari e teatrali e ora caduto in disgrazia. L’evento che ha segnato il tracollo della sua carriera è stato il processo per la sua omosessualità, conclusosi con una condanna a due anni di lavori forzati che ha minato la sua salute fisica e mentale. Dopo un fallimentare tentativo di recuperare il rapporto con la moglie Costance (Emily Watson) e la scelta, altrettanto fallimentare, di avvicinarsi di nuovo al giovane Lord Alfred Douglas (Colin Morgan), Wilde viene esiliato a Parigi, dove dimora in una modesta pensione, precipitando sempre più tra la povertà, la malattia e i suoi demoni. Qui rivive i ricordi del passato, che riaffiorano come in un sogno lucido e lo trasportano in altre epoche e in altri luoghi, quando era l’uomo più famoso di Londra, l’artista idolatrato da quella stessa società che poi l’ha crocifisso. Ora non gli resta che il suo unico, vero, grande amore: la scrittura, in particolare le sue fiabe, grazie alle quali conquista l’affetto e la compagnia di due ragazzi di strada. Al suo fianco ci sono anche i fedeli compagni di una vita: l’amante Robert Ross (Edwin Thomas), che tenta invano di salvarlo da se stesso, e l’affettuoso amico Reggie Turner (Colin Firth). Questo ultimo soggiorno parigino spinge Wilde a ripensare alle passioni che l’hanno travolto in passato, al suo spasmodico bisogno di amare incondizionatamente e alle fughe in Europa, ma anche ai rimorsi nei confronti della moglie e dei figli, coinvolti loro malgrado in un terribile scandalo pubblico. The Happy Prince è un ritratto inedito del lato più intimo di un genio che visse e morì per amore.

Regia: Rupert Everett

 Con: Rupert Everett, Colin Firth, Emily Watson, Colin Morgan, Edwin Thomas, Tom Wilkinson, Anna Chancellor, Julian Wadham, Béatrice Dalle, André Penvern, Franca Abategiovanni

la-melodie-locandina

La mélodie

Giovedì 17 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30
Sabato 19 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30
Domenica 20 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30

La mélodie, il film diretto da Rachid Hami, vede protagonista Simon (Kad Merad), un famoso violinista quasi cinquantenne. Simon è un uomo ormai disilluso dalla vita e sta attraversando un periodo difficile. Seppur distinto, si ritrova privo di ingaggi e non può fare altro che accettare l’offerta di lavoro propostagli da Farid (Samir Guesm), nonostante si tratti di un impiego piuttosto lontano dalle proprie ambizioni: insegnare nella sua classe-orchestra presso una scuola media inferiore alle porte di Parigi, frequentata da ragazzi che vivono in condizioni socio-economiche disagiate. I metodi d’insegnamento molto rigidi di Simon gli creano subito grossi problemi a interagire con gli studenti, che rispondono con un atteggiamento provocatorio e arrogante. Tra loro spicca Arnold, un timido ragazzo di origine africana che dimostra una forte predisposizione per il violino, affascinato dalla sua gestualità e dai suoi suoni. Grazie al talento di Arnold e all’incoraggiante energia del resto della classe, Simon riscopre a poco a poco le gioie della musica. Riuscirà a ritrovare l’energia necessaria per ottenere la fiducia degli allievi e mantenere la promessa di portare la classe a esibirsi al concerto finale alla Filarmonica di Parigi?

Regia: Rachid Hami

 Con: Kad Merad, Samir Guesmi, Jean-Luc Vincent, Alfred Renely, Slimane Dazi, Mathieu Spinosi, Tatiana Rojo, Youssouf Gueye, Zakaria-Tayeb Lazab, Mouctar Diawara, Shirel Nataf, Anaïs Meiringer

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo