manuel-locandina

Sala Buonarroti: da domani “Manuel”

2 Maggio 2018
Condividi

Giovedì 3 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30
Venerdì 4 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30
Sabato 5 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30
Domenica 6 maggio – 17:00 / 19:10 / 21:30

 Ora che ha compiuto 18 anni, Manuel (Andrea Lattanzi) può lasciare l’istituto per minori privi di sostegno familiare in cui ha vissuto negli ultimi anni, dopo che la madre Veronica (Francesca Antonelli) è stata arrestata. Manuel finalmente assapora la libertà, ma ha un gusto dolceamaro. Non è affatto semplice inserirsi in un mondo da cui è stato allontanato e che nel frattempo è andato avanti senza di lui. La sua situazione si complica nel momento in cui viene posto di fronte a una scelta molto difficile: se accetta di prendere in carico la madre, assumendosi una responsabilità enorme, allora lei potrà ottenere gli arresti domiciliari. Ed è il massimo in cui può sperare. Purtroppo per lei, che ora vorrebbe soltanto tornare indietro e ricominciare da capo. Il film racconta la vita drammatica di Manuel dal momento in cui ottiene la libertà e si ritrova a vagare per le strade del suo quartiere desolato. Si muove da solo, tormentato dalle sue speranze e paure, mentre cerca di lasciarsi l’adolescenza alle spalle e diventare un adulto responsabile. È necessario per dimostrare di sapersi occupare della madre e darle uno spiraglio di libertà. Sarà in grado di farlo senza perdere invece la propria libertà?

Regia: Dario Albertini

 Con: Andrea Lattanzi, Francesca Antonelli, Renato Scarpa, Giulia Elettra Gorietti, Raffaella Rea, Giulio Beranek, Luciano Miele, Alessandro Di Carlo, Frank Murgia

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo