stoner

Il Racconto. Stoner (Rubrica a cura dell’avvocato e scrittore Paolo Tagliaferri)

20 Luglio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

John Williams, Stoner, ed. Fazi,  Prezzo in libreria: € 17,50, Prezzo Ebook: € 9.99.

Non sono un addetto ai lavori. Leggo storie e cerco di raccontare storie. Questo piccolo blog doveva essere per il racconto di genere, giallo, noir, crime. Ma, già da molto tempo, mi sono reso conto che, per esempio, le prime
pagine di “La vuoi vedere una cosa “ di Raymond Carver, sono pura scrittura noir o meglio, scrittura coinvolgente, drammatica, trascinante. (Non tocchiamo, poi, “Delitto e castigo”, libro senza tempo e qualificazione di genere perchè capolavoro assoluto). Non serve il morto, serve il cervello, il talento, il cuore. Cito Carver il cui editor fu Gordon Lish; in “Stoner” il suo migliore amico si chiama Gordon Finch..sarò un caso? “Stoner” è semplicemente uno dei migliori romanzi che mi sia capitato di leggere in questi anni. La storia di un uomo che si emancipa dalla campagna abbracciando la letteratura inglese. La descrizione del mancato rientro a casa di William Stoner al termine del previsto corso di agraria è straziante: “Tuo padre e io siamo venuti per vederti laureato”…”Se pensi di dover stare qui a studiare i tuoi libri, allora è questo che devi fare. Tua madre e io ce la caveremo”.

La storia di un uomo che diviene professore, che perde un amico in guerra, che acquista un nemico sul lavoro, che sposa una donna che lo odia, che “perde” una figlia per inevitabile trascuratezza. La storia di un uomo che ama una studentessa, l’insegnamento e la vita. La storia di un uomo che odia la guerra. La scrittura di Williams è cristallina, delicata, pudica. Come Carver spesso non dice e il non detto fa un rumore assordante. Williams, però, si ferma un momento prima di Carver: per cui c’è ancora più non detto. Un non detto così elegante e pulito da lasciare estasiati.
La pagine nelle quali il professor Lomax interroga il suo protetto Walker e Stoner si impunta (Stoner, vicino a Stone = pietra; sarà un caso?) sono stratosferiche. La drammaticità allo stato puro..non servono rapine o omicidi, basta una semplice interrogazione per incollare il tuo libro alle dita e sbatterti su una poltrona sino alla ine. Questo è “Stoner”. Conosco qualcuno che lo ha trovato noioso. Posso comprendere. Siamo diversi e abbiamo gusti diversi. La letteratura è un piacere. ( “imparare è un grandissimo piacere” si legge nella Poetica di Aristotele). Se non mi piaceranno alcuni romanzi che leggerò, non vorrò certo essere giudicato. Forse, ne troverò addirittura qualcuno noioso. Ma Stoner no. Stoner è magnifico.
“Cosa ti aspettavi?, pensò.” (Ringrazio i miei amici librai Sergio ed Elena per avermelo consigliato. Elena, poi, me lo ha
addirittura regalato. Grazie Elena).

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •