Fillea, Filca e Feneal di Roma e Lazio, martedì 27 settembre, hanno sottoscritto insieme al Prefetto di Roma, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e l’ispettorato del lavoro i protocolli sulla legalità e sul monitoraggio flussi di manodopera delle opere portuali finanziate dai fondi del PNRR.

Due importanti strumenti con cui si generalizzano alcune buone pratiche e si rafforzano gli strumenti sindacali contro mancata sicurezza, lavoro nero e infiltrazioni mafiose per garantire tutele e diritti alle lavoratrici e ai lavoratori e migliorare la qualità del lavoro.

Con i protocolli, infatti, si applicano misure di contrasto al dumping contrattuale, la verifica dei documenti unici di regolarità contributiva e congruità, il settimanale di cantiere, con cui è possibile sapere in anticipo quali imprese, lavoratori e mezzi saranno presenti nello specifico cantiere e il badge di cantiere, con cui è possibile verificare chi lavora in un cantiere, la sua regolata contrattuale e lo svolgimento di mansioni idonee alla sua formazione e condizione di salute. Inoltre, in caso di mancato rispetto dei protocolli è previsto un sistema sanzionatorio fino alla rescissione del contratto di appalto.

“Siamo convinti – concludono i rappresentanti sindacali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil – che il PNRR possa rappresentare realmente uno strumento con cui rilanciare il Paese, l’occupazione e superare le disuguaglianze economiche e sociali. Per farlo è imprescindibile garantire legalità e sicurezza nei cantieri, perché, come purtroppo accaduto in passato, dove ci sono ingenti risorse il rischio di infiltrazioni mafiose diventa più alto.”

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com