Pediatria a rischio chiusura

11 Febbraio 2013

Il San Paolo quasi al collasso. Che la struttura ospedaliera di Civitavecchia non attraversi un periodo facile è cosa nota. Problemi strutturali e di organico con il personale costretto a turni massacranti, pur di garantire quel minimo di servizio necessario al cittadino. L’ultima notizia, in ordine temporale, riguarda il reparto di Pediatria ed arriva direttamente dal Movimento Cinque stelle di Civitavecchia. I grillini hanno effettuato una ricognizione nel nosocomio locale, a seguito delle numerose segnalazioni di cittadini che hanno denunciato disservizi e mancanze. Si è evidenziata subito una difficoltà nel reparto pediatria e per questo ha chiesto un colloquio al facente funzione di direttore sanitario, il Dott. Arena In seguito al colloquio è venuto a a conoscenza di una grave mancanza di organico in questo reparto. Infatti, da circa quattro mesi, dei sette medici previsti per la conduzione regolare del reparto, sono in organico soltanto in quattro. Questi ne garantiscono il servizio a scapito di grossi sacrifici personali e turni faticosi. In questo momento di quattro medici ben tre sono in malattia e solamente un medico è in grado di fare il servizio notturno e festivo nonostante il reparto sia strapieno. La situazione è tale da prospettare la chiusura del reparto. Per far fronte a questa difficoltà è stato deciso l’impiego di alcuni pediatri della RM-A verso Civitavecchia, che però hanno competenze ambulatoriali e non ospedaliere. L’assenza di pediatri potrebbe comportare anche la chiusura del punto nascita”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com