logo pd

Pd. “C’erano una volta le aree verdi”

3 Maggio 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“La bella stagione è ormai arrivata ma forti tuonano le critiche da parte delle famiglie che non possono, come vorrebbero, trascorrere pomeriggi nei parchi pubblici presenti in città.
Un tempo, i civitavecchiesi potevano usufruire dei parchi, oggi fatta eccezione per quello dell’Uliveto, trascorrere una giornata al parco è quasi impossibile.
Le aree verdi versano in condizioni critiche.
Erbacce, immondizia, scarsa manutenzione, insomma il degrado e l’abbandono regnano sovrani.
Il compito di chi ha l’onere e l’onore di governare dovrebbe essere quello di optare per la strada della continuità amministrativa nei confronti degli atti messi precedentemente in campo per il bene della città.
Questa amministrazione poteva proseguire la strada intrapresa dalla Giunta di centrosinistra con il parco dell’Uliveto.
Un parco accessibile a tutti, ristrutturato senza alcuna spesa per il Comune, la testimonianza che affidare la gestione a privati non è stata la scelta sbagliata.
Sono numerose le segnalazioni ricevute in questi giorni ed in questi 4 anni da parte dai cittadini che lamentano, documentando anche attraverso foto e video, la sporcizia presente nei parchi.
Purtroppo la Giunta 5 Stelle è cieca e sorda…non ci resta che auspicare almeno in un botto finale che non potranno fare a meno di sentire”.

Lo hanno comunicato

 Jenny Crisostomi Segreteria PD
Andrea Riga Segreteria PD
Stefano Ballotari Segreteria PD
Marina Pergolesi Direzione PD
Roberto Fiorentini Direzione PD
Enrico Leopardo Segreteria Provinciale PD





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo