pasquino

Pasquino: Er virtuale

5 Agosto 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Te devo confessà ‘na debbolezza

Io dico ch’era mejjo ner passato

Quanno nun era tutto adurterato

E de sicuro c’era la franchezza.

 

Intanto nun c’è più riservatezza,

Ogni stranuto viene pubblicato:

“Ciò er mar de testa, me so’ influenzato

Me so’ fatto un porpetto a la guazzetta,

 

Nun vado ar cesso, ciò la stitichezza,

Er fidanzato mio m’ha abbandonato,

Sei proprio un fico”. Questo vie’ postato.

Nun se vede più manco la bruttezza,

 

 

Puro si stai a parlà co ‘na sconcezza,

Dici ch’adè d’un bello mozzafiato,

Er cretino adè un genio patentato,

Chi in italiano adera ‘na schifezza

Scrive e pensa: “mo mettece na pezza”

Pe nun parlà de quello ch’è esartato

E pensa d’esse un comannante nato,

Ner vorto je se legge la fierezza,

 

Lui ce vole mostrà risolutezza

Come se er monno avesse conquistato.

C’è chi è contento d’avé rimorchiato

Pe’ poi scoprì ch’è proprio ‘na tristezza.

 

Spesso se perde consapevolezza

E finisci cornuto e cojjonato

Com’è successo cor pentastellato

Che a la tastiera stava co sciortezza.

 

Insomma mo’ t’ho fatto sta premessa

Solo pe’ ditte: attento ar virtuale

Perché potresti perde la scommessa

 

E fatte pe davero troppo male,

Lo poi capì da come ce s’è messa

Co st’amministrazzione communale.

 

Pasquino dell’OC



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •