pasquino

Pasquino: “Tanti Auguri”

4 Gennaio 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tanti auguri a l’abbitanti

A sto popolo de santi.

Tanti auguri a tutti quanti

Quelli indietro e quelli avanti

Quelli ricchi e assai potenti

Quelli poveri e scontenti

Tanti auguri all’innocenti

Ai credenti e ai miscredenti

Tanti auguri ai condannati

A l’anziani emarginati

Tanti auguri ai baraccati

Senza casa e martrattati

A chi sta senza lavoro

E nun naviga nell’oro

Tanti auguri a chi er decoro

Lo considera un tesoro

A chi cià la dignità

E in  ginocchio nun ce sta

Tanti auguri a chi je và

De difenne sta città

Chi ce mette er sentimento

Pe’ lottà l’inquinamento

E nun cambia insieme ar vento

A seconno der momento.

Tanti auguri ai cittadini

A li furbi e a li cretini

Ai piddini e a li grillini

All’onesti e ai malandrini

Pe le feste se perdona

Er peccato se condona

Ogni cosa pare bona

Puro quanno ce cojona

Se perdona la monnezza

Ch’è davero ’na schifezza

L’odoracci e la lordezza

Drentro ar naso co la brezza

E le strade dissestate

Ndo se formano cascate

Quele quattro puttanate

Pe le feste risicate

Se perdona l’assessore

Che fa piagne a tutte l’ore

E nun dà manco l’odore

De ‘na cosa de valore

Però mò che so’ finite

E l’avemo riverite

Ritornamo inviperite

Nun se semo ammorbidite

Ritornamo a denuncià

Tutto quello che nun va

Perché è giustò protestà

Contro chi nun ce sa fa

E rovina sta città.

Pasquino dell’OC

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •